Fisco, Contribuenti.it: «ora arrivano pure i rimborsi truffa»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3461

PESCARA. Una ondata di mail fasulle sarebbe arrivata in questi giorni nelle caselle di posta di diversi cittadini.

 False email provenienti falsamente da un indirizzo di posta elettronica dell'Agenzia delle Entrate bcadmin@agenziaentrate.com stanno giungendo in questi giorni ai contribuenti per informarli che si è disposto di un rimborso fiscale, con il quale si richiede di compilare un modulo di rimborso.

Si tratta dell'ultima trovata per frodare i contribuenti, annuncia Donato Fioriti, presidente regionale dell’associazione Contribuenti Italiani Contribuenti.it.

«Gentile Cittadino, dopo l'ultimo calcolo annuale della vostra attività fiscali abbiamo stabilito che si ha diritto a ricevere un rimborso fiscale di 344,79 EUR.»: così si legge nelle mail.

 «E’ posta elettronica proveniente falsamente dall' Agenzia delle Entrate- spiega Fioriti- senza la firma di un funzionario, scritta con un linguaggio tanto approssimativo quanto scorretto, per una comunicazione che ricorda le vere comunicazioni dell'Amministrazione finanziaria: "Si prega di scaricare e compilare il modulo per ottenere il rimborso. Grazie"».

 Contribuenti.it - Associazione Contribuenti Italiani ricorda che i rimborsi fiscali sono fermi da tempo perchè lo Stato non ha soldi.

Il debito del fisco verso i contribuenti è cresciuto, a livello nazionale, di 15,3 miliardi rispetto a settembre 2003 quando viaggiava sui 15,3 miliardi di euro: in pratica in due anni e due mesi è aumentato di circa 30.000 miliardi delle vecchie lire.

Contribuenti.it ha messo al corrente le Autorità competenti per questa truffa che si sta diffondendo rapidamente in internet.

«In realtà – conclude Fioriti -bisogna subito intervenire e metter mano alla annosa questione dei rimborsi fiscali. Per combattere l'evasione fiscale, però, bisogna essere credibili e rispettare i diritti dei contribuenti. E' arrivato il momento di rimborsare ai cittadini onesti le imposte pagate in eccesso».

 10/11/2010 13.03