Facebook, tutti (i big) lo vogliono come amico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2371

SOCIALNETWORK. Si rafforzano i rapporti fra Microsoft e Facebook, forte di oltre mezzo miliardo di utenti, per ricerche sempre più sociali e personalizzate.

D'ora in poi, infatti, cercare informazioni in rete con Bing (motore di ricerca di Microsoft) sarà un pò come chiedere consigli a chi si conosce. Quando si farà una ricerca con Bing o Facebook saranno visualizzate anche le pagine web preferite dai propri amici di Facebook e segnalate attraverso il pulsante 'Mi piace'. Ormai il social network più famoso del pianeta (conta oltre 600 milioni di iscritti) è ovunque.

E anche Skype, leader delle chiamate Voip, si allea con la creatura di Mark Zuckerberg. Il nuovo Skype 5 (al momento solo per Windows), infatti, include i news feed di Facebook e le videochiamate di gruppo. E' anche possibile importare la lista dei contatti per rimanere in contatto con la community.

Da Skype si possono commentare gli status, regalare i "mi piace" e telefonare e i due servizi sembrano diventare una cosa sola. E la nuova socialità virtuale sarà la vera chiave di svolta del mercato globale se è vero che in Internet il 90% dei siti web sono obsoleti, lapidi digitali: chi li realizza non coincide con chi li usa, come ha svelato Diego Calza.

In un un seminario sulle nuove frontiere del Web 2.0,l'esperto di progettazione dei sistemi informativi ha detto che «il passaparola online e' il vero ago della bilancia. Alle aziende interessa più come viene visto il loro prodotto nei social network che il posizionamento su Google. Il 90% si fida delle recensioni dei blogger».

Nelle ultime settimane, inoltre, Facebook ha anche risolto i controversi problemi sulla privacy, mai negati dal suo ideatore che è corso subito ai ripari.

Da qualche giorno, infatti, sono attive una nuova serie di funzionalità che daranno agli utenti un maggiore controllo dei propri dati pubblicati on line. D'ora in poi sarà possibile raggruppare i contatti selettivamente, e scegliere di condividere i propri aggiornamenti del profilo solo con determinati amici, famigliari o colleghi. Gli utenti potranno inoltre scaricare sul loro computer tutti i dati immessi sulla loro pagina, in modo da esserne a tutti gli effetti i soli "proprietari".

PRIMADANOI SU FACEBOOK 

PRIMADANOI SU TWITTER 

 16/10/10 12.35