Infarto in diretta su Twitter: giornalista americano lo posta sul web

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2700

NEW JERSEY. Tommy Christopher resterà nella storia dei social network per la sua trovata bizzarra. E’ il primo uomo ad aver postato in diretta twitter il suo infarto. Ora sta bene ma se l’è scampata per un soffio.

Giornalista americano e reporter della Casa Bianca per Mediaite.com, Tommy ha uno spiccato sense of humor, forse fin troppo dal momento che, un anno fa, ha deciso di descrivere sul twitter  il suo attacco di cuore. «Sono io, sto riportando in diretta il mio infarto. Vediamo chi mi batte!(I gotta be me. Livetweeting my heart attack. Beat that!)» scrive sul social network.

Sono le 5.00 del pomeriggio quando il reporter avverte le prime avvisaglie. Crampi allo stomaco, formicolio al braccio, descriverà in un secondo momento. Grazie all’ intervento  immediato dei soccorsi, viene caricato d’urgenza  all’ospedale del New Jersey dove il suo quadro clinico appare sin da subito disperato. Ma durante il tragitto in ospedale esprime un desiderio, forse l’ultimo, vuole scrivere ai suoi followers (quelli che lo seguono su Twitter). E i medici lo accontentano.

Il social network si scatena e fioccano messaggi di solidarietà. Gli amici sgomenti gli augurano di rimettersi presto in sella ed anche i colleghi Meghan McCain, Ed Morrissey ed i reporter della sala stampa della Casa Bianca, Jake Tapper ed  Ed Henry esprimono la loro vicinanza.

Joe Brooks di WiredUpdate non ha dubbi: Thomas è la prima persona ad aver aggiornato il suo profilo twitter mentre aveva un infarto. «Questo è segno di grande coraggio e forza», dice,«un reporter che informa il suo pubblico anche in queste circostanze». Già un’ora dopo Christopher è di nuovo su Twitter, pimpante e  pronto a scherzare su quanto successo. «Quando ha sentito il suo direttore», raccontano i media, «la sua preoccupazione più grande era di non poter lavorare».  L’attacco di cuore non gli avrebbe lasciato scampo se non fossero intervenuti subito i soccorsi. E oggi dopo un intervento per due bypass Christopher continua a postare su Twitter come prima e forse  più di prima.

Quale altra trovata s’inventerà?

Marirosa Barbieri  02/12/2011 13:14