BANCHE

Banca del Vomano, inizia il conto alla rovescia

Consegnata la documentazione in Banca d’Italia

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

5345

BANCA DEL VOMANO
TERAMO. Ancora qualche mese e la nuova Banca di Credito Cooperativo del Vomano saprà se la sua richiesta di esercizio del credito, presentata alla Banca d’Italia, è stata accettata.


«Possiamo ormai considerare l'obiettivo e il compito del Comitato Promotore ampiamente raggiunto nei numeri, nei tempi, nella qualità del progetto industriale e nei costi sostenuti». Così Giulio Cesare Sottanelli, presidente del Comitato Promotore della costituenda Banca del Vomano, commenta i recenti risultati del nuovo istituto di credito, che nei giorni scorsi, unitamente alla Federazione Abruzzese e Molisana di Pescara e ai responsabili della Federcasse Roma, ha provveduto alla consegna della documentazione in Banca d’Italia che si impegnerà nei prossimi sei mesi (salvo sospensione termine) a rilasciare l’autorizzazione per avviare l’attività bancaria.
Tutto pronto, dunque, per veder sorgere la Banca del Vomano, che vanta già 1.597 soci con un capitale di oltre 4milioni di euro. «Siamo orgogliosi del lavoro fatto ad oggi, nell'esclusivo interesse del nostro territorio e del bene comune, anche in considerazione del momento storico ed economico difficile che stiamo attraversando» precisa Sottanelli, con riferimento soprattutto alla qualità del progetto industriale.
Stando, infatti, a quanto dichiarato dal presidente, l'istruttoria effettuata da Federcasse ha dato esito positivo sia riguardo la bontà del piano in questione, sia per la verifica dei requisiti degli esponenti aziendali e di tutta la compagine sociale.
«Non ci è stato eccepito nulla – continua Sottanelli – anzi, Federcasse si è complimentata del fatto che in precedenza nessun progetto di “costituenda” era stato così qualitativamente ineccepibile».
«Il coronamento di un sogno, dunque – come lo definisce il presidente – fondato sulla consapevolezza di sostenere il nostro territorio e i suoi cittadini e reso possibile grazie alla generosità del Comitato Promotore e di tutti i soci che hanno creduto e dato fiducia al nostro ambizioso progetto. Sono orgoglioso di aver guidato un gruppo di persone che con generosità e dedizione hanno impiegato risorse ed energie, riuscendo a centrare l’obiettivo».