SACRO BUSINESS

Giubileo, la Regione Abruzzo si impegna per intercettare fondi

Poi verranno progetti e programmi per rilanciare il turismo religioso

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

57

Giubileo, la Regione Abruzzo si impegna per intercettare fondi

Pescara, 21 ott. La costituzione del Comitato regionale per il Giubileo della Misecordia, ufficializzata, questa mattina, a Pescara, in Regione, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il consigliere regionale delegato al turismo, Camillo D'Alessandro, ed il presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, è stata l'occasione per fare il punto sulle potenzialità dell'Abruzzo come destinazione finale di turismo religioso.

Secondo quanto riferito il trend è positivo visto che l'Abruzzo è la regione che ha fatto registrare il maggior incremento di presenze turistiche (+ 2 milioni) nel periodo estivo ma bisognerà impegnarsi a fondo per cercare di intercettare parte dei flussi turistici che muoveranno verso Roma a partire dalla giornata di apertura dell'8 dicembre.

Intanto, il prossimo 6 novembre, Lanciano ospiterà il tredicesimo Italian Workshop "Culto e cultura" dedicato proprio a questo particolare segmento turistico.

«Finalmente - ha esordito D'Alessandro - apriamo il cantiere su questo Giubileo straordinario che, dal punto di vista turistico, rappresenterà, per importanza, il secondo evento di tutta la legislatura dopo l'Expo di Milano. Per questo, - ha proseguito - bisogna assolutamente farsi trovare pronti all'appuntamento e, a tal proposito, convocheremo, a breve, gli Stati generali sul Giubileo della Misericordia che vedranno la partecipazione delle associazioni e di tutto il mondo rappresentativo. L'Abruzzo, per la prima volta, - ha sottolineato il consigliere - si presenterà come un unicum in grado di offrire percorsi spirituali, e quindi i bellissimi Cammini della Fede, che collegano i principali Santuari religiosi della regione e, al tempo stesso, di valorizzare gli Eremi celestiniani». Secondo D'Alessandro, «la prossimità con Roma dovrà rappresentare il valore aggiunto dell'offerta turistica abruzzese. E' qui che si giocherà una partita fondamentale - ha rimarcato - e, a tale scopo, un ruolo chiave lo giocheranno sia gli aeroporti che la società regionale di trasporti TUA».

E a proposito di turismo religioso anche il Cammino di San Tommaso è stato inserito dal Vaticano tra i percorsi fruibili, questo è quanto ha riferito nei giorni scorsi Pino Valente, coordinatore istituzionale dell’Ats “Culto e cultura in Abruzzo”.