Scomparsa Roberto Straccia, chiesto aiuto anche all’Fbi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6285

Scomparsa Roberto Straccia, chiesto aiuto anche all’Fbi
PESCARA. Il giorno della Befana tutti gli amici marchigiani di Roberto Straccia saranno nuovamente a Pescara. Sit in davanti alla Nave di Cascella: «non ci arrendiamo». (Nella foto Roberto Straccia con gli amici sul Ponte del Mare)

Le indicazioni su come muoversi passano in queste ore attraverso gli sms. Gli amici di Moresco e Petritoli hanno deciso: domani sarà una nuova giornata da trascorrere sulla riviera pescarese, proprio nei luoghi in cui lo studente marchigiano, scomparso il 14 dicembre scorso, ha fatto perdere le proprie tracce.

I ragazzi si incontreranno alle 9.00 all'ingresso della pineta dannunziana, lato mare (davanti allo chalet Ippocampo), poi si sposteranno tutti insieme a piedi alla Nave di Cascella dove sosteranno per l'intera giornata, «per mantenere viva l'attenzione e la speranza».

Sul fronte delle indagini non ci sono novità e si aspettano i risultati della ricognizione di pc e cellulare che potrebbero arrivare entro due settimane. Oggi al Resto del Carlino parla Diletta Basili, amica del cuore di Roberto. L’amicizia dei due, ha raccontato la ragazza, «solo nelle ultime settimane si stava avvicinando ad un rapporto di maggior vicinanza e confidenza». La giovane è convinta che il ragazzo non possa essersi suicidato né abbia deciso di andare via volontariamente. «E’ una persona che sorride alla vita», dice Diletta, «che sa divertirsi con intelligenza senza mai andare oltre i limiti, un ragazzo responsabile, una bella persona, sicuramente troppo buono. Ama le persone vere, non è mai falso e non farebbe mai scelte di comodo. Non è facile trovare una persona come lui».

L’ultima telefonata tra i due risale alla sera prima della scomparsa: «mi ha raccontato la giornata», ha rivelato la giovane al quotidiano marchigiano, «mi ha detto che era stato sempre a casa e la sera seguente avrebbe partecipato alla cena di fine anno accademico, e dell’idea di andare a prenderlo giovedì alla stazione quando sarebbe tornato a Moresco. Era tranquillo, scherzoso come sempre».
Diletta nelle scorse settimane era stata anche a Pescara: «ci ha indicato la strada che percorreva per allenarsi. Mi ha detto anche che in fondo quella città non gli piaceva tanto e che se ne sarebbe andato appena laureato».

Intanto il padre del ragazzo continua ad escludere l’ipotesi che qualcuno abbia fatto del male al figlio per colpire la sua famiglia: «abbiamo una piccola azienda agricola», ha ammesso, «produciamo frutta di stagione. Non quintali ma poche cassette». Da qui si esclude l’ipotesi della pista estorsiva, già accantonata da tempo dagli inquirenti proprio perché mancherebbero i presupposti. «Non abbiamo nemici», ha detto ancora papà Mario, «sarò forse antipatico ma non tanto da giustificare una atrocità simile».

Per domenica prossima, invece, l’associazione dilettantistica Manoppello Sogeda ha organizzato ‘la corsa della speranza, aspettando Roberto’ alla quale parteciperanno gli amatori e podisti abruzzesi. Il ritrovo è alle 9.30 all’Arena del Mare (nei pressi della Madonnina). Si partirà alle 10, si farà in parte anche il tragitto compiuto da Roberto, dal porto turistico alla nave di Cascella per poi proseguire al confine con Montesilvano (fino al Tortuga) e ritorno.

CONTATTATA FBI

Come annunciato ieri la Procura di Pescara si è affidata ad un nuovo perito, si tratta di Fabrizio Davide, docente di Telecomunicazioni a Tor Vergata e manager della Telecom utilizzato dalle forze dell'ordine per questioni legate alla sicurezza. Il tecnico entro sabato potrebbe già fornire i primi risultati. Questa mattina era già al lavoro nella sede di via D’Annunzio del comando provinciale dei carabinieri di Pescara.

Davide lavora sotto il coordinamento del capitano Eugenio Stangarone e con l’ausilio di due esperti del Nucleo investigativo dei carabinieri. I carabinieri hanno contattato anche un detective dell'Fbi americana, che «ci sta dando una mano, considerato che abbiamo fatto decine di richieste».

a.l.  05/01/2012 11:50