DOPO VOTO

Abruzzo/Elezioni: L’Aquila boccia Berlusconi e vince il Pd

Dato in contrasto con risultato regionale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4796

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi




L’AQUILA. Nel capoluogo di regione il Pd è il primo partito in assoluto con il 31% di preferenze, contro il 27% del Pdl e il 20% del Movimento 5 Stelle.
Se in Abruzzo al Senato l’ha spuntata il Pdl e alla Camera il Movimento 5 stelle, il capoluogo di regione si conferma il fortino del Partito Democratico (che a Montecitorio conterà 6 deputati, più uno di Sel grazie al premio di maggioranza).
A meno di un anno dalla rielezione del sindaco Massimo Cialente, Pezzopane e company non falliscono l’impresa casalinga. Le elezioni aquilane sentono ancora gli echi del post sisma, della ricostruzione che stenta a ripartire e la città probabilmente ha sposato l’idea di mandare in Parlamento rappresentanti forti che facciano valere le proprie ragioni.
L’Aquila ha creduto evidentemente alla forza e alla determinazione di Stefania Pezzopane che in questi pochi mesi di campagna elettorale ha abbracciato il progetto di Bersani ed è riuscita ad ottenere persino il posto da capolista, scalzando il decano Franco Marini.
Dunque il Pd si è confermato al Senato primo partito della città con 11.828 voti pari al 31,32%. Restano però a sorpresa fuori dai giochi il decano Franco Marini e la senatrice avezzanese Anna Paola Concia che su Twitter ha manifestato la propria insoddisfazione: «io non entro e Antonio Razzi (senatore Pdl) sì».
Al Senato segue a ruota il Pdl di Berlusconi con 10.271 voti pari al 27,2%. Terzo partito è il Movimento 5 Stelle con 7.444 voti pari al 19,71%. Proprio dell’Aquila è la neo senatrice Enza Blundo.
Seguono poi la coalizione di Monti con l’8,14%, Sel col 3,48%, Rivoluzione Civile con 2.64, La Destra 2,30%.
«La lettura di questi dati è chiara - spiega il segretario comunale del Pd Stefano Albano - L'Aquila è l'unico capoluogo di provincia dove il Partito Democratico vince in Abruzzo. Non lo diciamo certo con trionfalismo, è evidente che ci aspettavamo dei risultati nazionali e regionali migliori. Teniamo tuttavia a sottolineare il dato aquilano. Se all'Aquila città vinciamo è perché noi del Pd aquilano siamo stati in prima linea sulla battaglia per i diritti del cratere sismico dall'inizio, perché siamo stati al fianco dei lavoratori e delle forze produttive aquilane».