Agricoltura in sicurezza, firmato protocollo d'intesa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1328

PESCARA. Firmato accordo tra le Organizzazioni dell’agricoltura e dell’artigianato per l’adeguamento e il controllo delle macchine agricole

Limitare gli infortuni in agricoltura: è l’ambizioso scopo dell’accordo firmato questa mattina nella Sala giunta della Camera di Commercio di Pescara dai rappresentanti regionali delle organizzazioni agricole (Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Copagri) e delle organizzazioni dell’Artigianato (Cna, Confartigianato, Casartigiani e Claai) per contribuire, attraverso una comune sinergia di intenti, alla diminuzione della piaga degli incidenti sul lavoro che attanagliano il primo settore. Un dato per tutti: il numero degli infortuni in agricoltura è purtroppo in aumento e, i dati Inail nel 2009, ultima stima ufficiale, risultano un totale di 2381 incidenti ripartiti tra Chieti (1052), Teramo (507), Pescara (433) e L’Aquila (389). «Dati allarmanti», hanno sottolineato le organizzazioni agricole «si tratta di una emergenza da combattere attraverso una strategia funzionale e condivisa. Infatti, il protocollo è finalizzato a garantire l’adeguamento e il controllo delle macchine agricole in applicazione della normativa vigente sulla sicurezza nei luoghi di lavoro assicurando di fatto una maggiore sicurezza degli operatori agricoli». L’accordo sancisce infatti un doppio impegno: le associazioni agricole si impegnano a sensibilizzare gli operatori agricoli all’adeguamento, al controllo e alla manutenzione delle macchine al fine di garantire la permanenza dei requisiti di sicurezza. Da parte loro, le associazioni dell’artigianato individuano sul territorio le officine specializzate per le operazioni di adeguamento e controllo delle macchine agricole a prezzi preventivamente concordati. Le stesse officine rilasceranno infine il Certificato di costruzione e installazione a norma, nonché di controllo dello stato di manutenzione ed efficienza, curando anche la tenuta di un apposito Registro di controllo per ogni macchina (che dovrà essere conservato per tre-quattro anni dall’azienda agricola ed esibirla all’Organo di controllo).

Nel corso della conferenza stampa è stata evidenziata l’importanza dell’accordo. «I rischi più gravi a cui sono esposti gli operatori agricoli sono infatti rappresentati dai ribaltamenti causati dal sovraccarico della trattrice, da carico eccessivo di traino, da manovre brusche e da eccessiva pendenza del terreno» hanno evidenziato le organizzazioni agricole.

 

13/10/2011 8.42