Inps: incassati 3 miliardi di euro in più di contributi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1931

ROMA. L’Inps ha incassato oltre 85 miliardi di euro (per l’esattezza 85 miliardi e 558 milioni) da pagamenti ordinari e contributi nei primi 8 mesi dell’anno.

ROMA. L’Inps ha incassato oltre 85 miliardi di euro (per l’esattezza 85 miliardi e 558 milioni) da pagamenti ordinari e contributi nei primi 8 mesi dell’anno.

Si tratta di 3,1 miliardi in più (+3,7%), rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando le riscossioni avevano raggiunto gli 82,4 miliardi, e di oltre 1 miliardo e 180 milioni in più sul preventivo 2011 (+1,1%).

Se si considerano anche gli importi derivanti dall’attività di recupero crediti, il totale delle riscossioni sale a 88,9 miliardi di euro, con un incremento del 3,6%, vale a dire oltre 3 miliardi in più rispetto agli 85,8 del 2010. Anche in questo caso si segnala un aumento sul preventivo di quasi un miliardo di euro.

Il totale delle contribuzioni ordinarie 2011 a carico delle aziende si è attestato nel mese di agosto a quasi 68,9 miliardi di euro, contro i 65,8 dei primi otto mesi del 2010: 3,1 miliardi in più, con uno scostamento di oltre 740 milioni in più sul preventivo. Si tratta del 4,7% in più di contribuzione rispetto allo stesso periodo del 2010, un dato che è in linea con gli aumenti registrati negli ultimi mesi.

«Anche l’ultima rilevazione – commenta il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua – mostra come le aziende abbiano capito fino in fondo il messaggio legato alla azione di contrasto all’evasione contributiva perseguita dall’Inps. Il costante aumento della contribuzione da lavoro dipendente è la dimostrazione che le aziende stanno rispondendo in modo positivo all’impegno per la legalità profuso dall’Inps».

15/09/2011 11.43