Cambio di guardia alla Bcc. Il neopresidente Tancredi «continuità e rilancio della federazione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3420

PESCARA. Il consiglio d’amministrazione della Bcc (banche di credito cooperativo di Abruzzo e Molise) il primo luglio ha rinnovato i vertici.

 

Un cambio di guardia ai vertici della federazione che ha messo d’accordo tutti e che vedrà Antonio Tancredi (presidente Bcc di Teramo) capitanare per il prossimo triennio la nuova squadra, al posto di Domenico Ciaglia.

Nuove nomine nel direttivo con Alfredo Savini, vice presidente vicario e Pasquale Abiusio vice presidente in rappresentanza in Molise. Volti nuovi e veterani nell’esecutivo, composto dal neoeletto presidente Antonio Tancredi, Domenico Ciaglia, Michele Borgia, PierGiorgio Di Giacomo ed Emilio Di Nicola. Vengono riconfermati il collegio sindacale guidato da Antonio Iezzi nelle vesti di Presidente e Claudio Di Luzio e Norberto Santarelli, così come la commissione sindacale con Nicola Valentini come presidente, l’osservatorio locale e l’organismo politetico locale.

«Continuità e rilancio», sono le parole d’ordine del nuovo presidente, pronto a continuare l’operato del suo predecessore Domenico Ciaglia che avrebbe rinunciato alla sua nuova candidatura alla presidenza «per garantire l’alternanza nelle cariche».

Una continuità, quella sventolata da Tancredi, che si potrà toccare con mano nel rapporto di fiducia e mutua collaborazione con la federazione nazionale, con le istituzioni e gli organismi centrali. «Supereremo la difficile congiuntura finanziaria che il sistema bancario sta attraversando», ha annunciato Tancredi, «per ribadire il ruolo egemone della federazione come punto di riferimento territoriale di imprese, famiglie, operatori che hanno sempre riposto in noi estrema fiducia.

Saremo anche un sostegno oltre che per il settore economico anche per quello culturale e sociale educativo».

m.b. 04/07/2011 12.12