2 milioni di euro per i ''restauratori'' d'Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1951

ABRUZZO. Pubblicato l'avviso per la presentazione delle domande

«Vogliamo sostenere la ricostruzione del patrimonio artistico, storico e culturale dell'Aquila e valorizzare i beni architettonici regionali anche grazie alle risorse dell'Unione Europea, attraverso la formazione di specialisti del restauro che possano cogliere questa occasione, per creare, altresì, nuove imprese in un mercato sì di nicchia, ma in pieno sviluppo».

Così l'assessore al Lavoro Paolo Gatti commenta la pubblicazione dell'avviso del Progetto Speciale Multiasse "Restaurare in Abruzzo", inserito nel Piano Operativo 2009/10/11 del Fondo Sociale Europeo 2007/13.

Finanziato con due milioni di euro, il progetto vuole supportare l'ingresso nel mercato del lavoro di tecnici esperti e maestranze specializzate nel campo della manutenzione, conservazione e ristrutturazione del patrimonio artistico e monumentale regionale.

Per promuovere così l'occupazione al termine di percorsi di formazione professionale, ma anche per sostenere l'avvio di nuove imprese grazie all'assistenza per l'autoimpiego e la creazione d'impresa.

«Dei 23 progetti inseriti nel nuovo Piano Operativo del Fondo Sociale Europeo - commenta l'assessore Gatti - sono molto legato a "Restaurare in Abruzzo", perché l'idea è scaturita dall'esigenza di dare un contributo alla ricostruzione dell'Aquila che, nonostante le poche risorse reperibili dal FSE, fosse reale e non limitato nel tempo. Il settore del restauro artistico può divenire un mercato interessante sia sotto l'aspetto economico che occupazionale, e potrà aiutarci a rendere di nuovo godibile le bellezze dell'Aquila. Dopo il terremoto, infatti, ben 5.000 beni del patrimonio artistico e monumentale del capoluogo risultano danneggiati».

L'avviso prevede il finanziamento, in ambito regionale, di due progetti formativi entrambi da un milione di euro, di cui uno sulla provincia dell'Aquila, l'altro sulle restanti tre province abruzzesi.

Le candidature potranno essere presentate esclusivamente da Associazioni Temporanee di Scopo, costituite o in fase di costituzione, composte un organismo di formazione con sede operativa accreditata dalla Regione Abruzzo per la macrotipologia "Formazione Superiore" e da una o più strutture pubbliche o impresa privata, qualificate nel settore della valorizzazione o conservazione dei beni culturali, in possesso di comprovata esperienza in materia.

Gli interventi ammessi a finanziamento riguardano i seguenti profili professionali: Tecnico dell'ispezione e manutenzione di edifici Storici; Architetti; Urbanisti e specialisti del recupero e della conservazione del territorio; Tecnico qualificato in design dei materiali lapidei; Disegnatori; Stuccatore; Tecnico Decoratore, doratore di edifici storici; Pittori, stuccatori, laccatori e decoratori; Falegname specializzato; Artigiani delle lavorazioni artistiche del legno e di materiali similari; Ebanisti, falegnami ed operatori artigianali specializzati; Doratore specializzato in beni culturali; Pittori e decoratori su vetro e ceramica; Artigiani delle lavorazioni artistiche del legno e di materiali similari.

Sono destinatari degli interventi i soggetti in cerca di occupazione, disoccupati o inoccupati, residenti in Abruzzo ed in possesso del titolo di studio richiesto per il profilo professionale.

1/07/2011 8.56