Consorzio tutela vini d’Abruzzo: Tonino Verna è il nuovo presidente

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4560

ABRUZZO. Il Consorzio di tutela vini d’Abruzzo ha un nuovo presidente.

ABRUZZO. Il Consorzio di tutela vini d’Abruzzo ha un nuovo presidente.

Nella riunione svoltasi martedì scorso infatti è stato eletto all’unanimità Tonino Verna, che nello stesso consiglio in carica ricopriva già la carica di vice presidente insieme.

La nuova elezione si è resa necessaria a distanza di un anno dalla nomina del nuovo Consiglio di amministrazione avvenuta nella primavera del 2010, in seguito alle dimissioni del presidente Sebastiano Porello dopo quattro anni di intensa attività nelle quali il Consorzio ha guidato i grandi cambiamenti avvenuti nella geografia produttiva dell’Abruzzo.

Tonino Verna (57 anni e dal 2005 presidente di Cantina Tollo) rimarrà in carica come presidente del Consorzio di Tutela fino alla primavera del 2013.

«Ringrazio Sebastiano Porello per l’ottimo lavoro svolto – ha dichiarato il neo presidente Tonino Verna –  nonché l’intera compagine consortile che, con la mia nomina, ha voluto dare una chiara indicazione circa la continuità dell’azione avviata da tempo sul piano della tutela e della valorizzazione delle denominazioni regionali oltre che rafforzare la presenza e l’autorevolezza del Consorzio in seno agli organi di rappresentanza della filiera».

«Il ruolo del Consorzio di tutela negli ultimi anni è progressivamente cambiato – ha aggiunto Verna – soprattutto alla luce delle nuove ed impegnative funzioni indicate dall’art. 17 del D.Lgs. n.61 del 2010 e del relativo decreto attuativo e di conseguenza ha assunto una grande responsabilità nei confronti dell’intero sistema vitivinicolo abruzzese. Siamo chiamati a compiti gravosi e impegnativi ma sappiamo di poter contare su una nuova mentalità che si sta facendo strada nel mondo agricolo e vitivinicolo regionale per lavorare tutti insieme affinché esso diventi il punto di riferimento per la definizione della politica vitivinicola regionale cogliendo le opportunità che il mercato internazionale, anche grazie alla intensa e fattiva collaborazione che da tempo si è instaurata tra il Consorzio e l’Assessorato regionale all’Agricoltura».

Infatti, il Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo unitamente al Consorzio di Tutela delle Colline Teramane e al Consorzio Tullum, grazie alla Misura 1.3.3 del Piano di sviluppo rurale 2007-2013 che la Direzione Agricoltura intende attivare specificamente per il comparto vitivinicolo, avvierà a brevissimo una azione di promozione per il periodo 2011-2013 a favore dei vini a denominazione e a indicazione geografica.

Il Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo, costituito nel 2002, annovera tra i propri soci circa 10 mila produttori-viticoltori (singoli e associati) e circa 100 vinificatori e imbottigliatori che rappresentano attualmente oltre il 70% della superficie iscritta all’albo della DOC Montepulciano d’Abruzzo e relativa produzione, e circa l’88% di quella iscritta all’albo della DOC Trebbiano d’Abruzzo e relativa produzione. I soci del Consorzio producono annualmente oltre 2,5 milioni di ettolitri di vino e imbottigliano ogni anno circa 60 milioni di bottiglie che vengono esportate per oltre il 50% in più di 40 Paesi nei diversi continenti.

09/06/2011 13.38