Sagre: Confcommercio ‹‹evitare concorrenza sleale a ristoranti e pubblici esercizi››

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1942

PESCARA.«Basta alla concorrenza sleale delle sagre ai ristoranti e pubblici esercizi».

E’quanto scritto nella lettera che Confcommercio ha inviato all’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alfredo Castiglione, ed all’assessore regionale al Turismo, Mauro Di Dalmazio per chiedere  una modifica ed integrazione della legge regionale L.R. n° 11/2008,in materia di sagre.

Il comma 108 della norma, infatti, ammette lo svolgimento di sagre, sul territorio regionale per la promozione di prodotti gastronomici locali purchè vengano rispettate alcune condizioni che vanno dalla durata (non superiore ai sette giorni), ai controlli igienico-sanitari, alla preparazione degli addetti.

«Parametri», sostiene Confcommercio,«che non vengono sempre rispettati».

Secondo l’associazione, infatti, i promotori delle sagre in Abruzzo offrendo menù di carattere generale, impiegano personale non professionalizzato, non rispettando  i parametri igienico-sanitari e non pagando tasse e contributi, farebbero concorrenza sleale ai titolari di ristoranti e pubblici esercizi che, oltre a sopportare il fisco ed i controlli sanitari si vedono soffiare la clientela.

E’ per questo che Confcommercio ha fatto appello agli organi competenti per chiedere la modifica di alcuni punti della legge regionale ed una sua integrazione.

La riduzione da sette a tre giorni del tempo previsto per una sagra, un calendario degli eventi per evitare che più sagre si sovrappongano sono alcune delle richieste di Confcommercio.

 Così come l’associazione chiede che venga istituita una commissione composta da un funzionario comunale del settore che controlli l’applicazione delle norme sugli addetti, sulla sicurezza e sulle condizioni igienico-sanitarie,da due rappresentanti degli operatori della sagra da istituire e da due rappresentanti delle organizzazioni provinciali di categoria rappresentative a livello nazionale dei ristoranti e pubblici esercizi.

03/06/2011 16.37