Provincia, Caripe e Confindustria insieme per le imprese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1945

PESCARA. Firmato un accordo condiviso tra enti e finalizzato a favorire le imprese del territorio.

In sostanza l’accordo prevede che la Caripe, in qualità di banca del territorio, anticiperà la liquidazione delle fatture dei crediti vantati da imprenditori/fornitori che hanno effettuato servizi nei confronti della Provincia. In questo modo, si ridurranno gli svantaggi per i fornitori che derivano dalle lungaggini nei pagamenti dell’ente.

«Purtroppo – ha spiegato il presidente della Provincia Guerino Testa - le pubbliche amministrazioni oggi sono strette tra le necessità di pagare in tempi ragionevoli e i vincoli del Patto di stabilità che non sempre consentono di rispettare i tempi fissati. Grazie a questo accordo i fornitori dell’ente potranno rivolgersi alla Caripe, già tesoriere della Provincia, e portare la fattura che dovrà recare il visto della Provincia con l’attestazione della sussistenza del credito. A dimostrazione dell’utilità della Provincia, porteremo questo esempio anche nei 46 Comuni del territorio».

Soddisfatto dell’intesa raggiunta tra Provincia e Caripe, il presidente di Confindustria Pescara, Enrico Marramiero: «E’ fondamentale la collaborazione tra le associazioni di categoria, gli enti pubblici e le banche. Con la Provincia abbiamo trovato la sponda ideale per portare avanti una serie di progetti e lo stesso vale per Caripe che vuole rafforzare il legame con il territorio. La Provincia di Pescara è uno degli enti più virtuosi nei pagamenti ma purtroppo il patto di stabilità non agevola affatto il mondo imprenditoriale». «A volte – aggiunge Camillo Volpe vice presidente e delegato al credito di Confindustria – basta poco per poter risolvere i problemi che spesso sono macroscopici per le aziende. Ringraziamo Provincia e Caripe che in questo modo alleviano le difficoltà finanziarie delle aziende del territorio».

Infine Bruno Presidente, direttore commerciale di Banca Caripe, affiancato da Alberto De Amicis, responsabile Caripe dello sviluppo PMI e rapporti Confidi e Associazioni di categoria, ha concluso che “è una delle rarissime volte in cui si registra un’operazione fattiva tra enti. L’auspicio è che si possa passare il prima possibile alla fase della cessione del credito e non più tramite mandato per avere un interlocutore diretto».

06/05/2011 9.14