Agricoltura, il maltempo torna a colpire il Fucino

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1419

L’AQUILA. A un mese e mezzo di distanza dai gravi danni causati dalle piogge incessanti nella zona del Fucino, è di nuovo emergenza.

Un’improvvisa ondata di maltempo è infatti tornata ad abbattersi ieri nell’aquilano: grandine e pioggia si sono riversate nel pomeriggio in grandi quantità nelle campagne colpendo nuovamente le aree già seminate e tornando dunque a danneggiare colture, raccolti e le stesse aziende agricole.

La Coldiretti L’Aquila che sottolinea come il settore, già in penalizzante stato di difficoltà, faccia presagire tempi sempre più difficili.

«Sono state numerose le segnalazioni pervenuteci dai coltivatori – ha dichiarato Berardino Meschieri, segretario di zona della Coldiretti di Avezzano – che hanno lamentato allagamenti nelle campagne e forti grandinate con conseguente danneggiamento soprattutto alle coltivazioni di carote, spinaci e patate. Al momento la portata dei danni non è ancora quantificabile e attendiamo i sopralluoghi degli esperti per valutare l’eventuale coinvolgimento degli enti preposti e delle istituzioni».

Un altro duro colpo, dunque, a un comparto già fortemente segnato dalla sfavorevole congiuntura economica e dal nuovo record storico registrato dal prezzo del gasolio: i lavori della stagione in corso nelle campagne e il considerevole utilizzo di macchinari stanno provocando ulteriori problemi di carattere economico in un comparto già sofferente di un mercato che non ripaga il giusto prezzo alla produzione. Già da alcuni anni si assiste infatti a un preoccupante calo dei prezzi alla produzione a cui corrisponde un’esplosione ingiustificata dei prezzi dal campo alla tavola. Ne consegue – fa sapere la Coldiretti - che numerose aziende agricole rischiano il collasso se non saranno presi gli adeguati provvedimenti per sostenere in maniera concreta un settore economico rilevante nel territorio abruzzese.

05/05/2011 19.24