IMPRESE

Accordo per la Ico, non chiude e mobilità per 74 persone

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

210

Accordo per la Ico, non chiude e mobilità per 74 persone

CHIETI. Accordo raggiunto tra azienda e sindacati sul futuro dell'ex Kimberly Clark di Alanno. Nella sede di Confindustria Chieti  Pescara è stata siglata l'intesa tra la ICO e i rappresentanti dei lavoratori.

La ICO ha ribadito la possibilità di mantenere la funzionalità della Divisione Tissue unicamente con il reparto cartiera - con la conservazione di 40 addetti - e la destinazione dello stesso alla produzione delle sole bobine destinate al  mercato B2B italiano ed estero.

 

C'è stata dunque una convergenza sul provvedimento di riduzione di personale con accesso al trattamento di mobilità che per lo stabilimento di Alanno interesserà fino ad un massimo di 74 unità . In questa maniera l'ex Kimberly Clark non sarà chiusa.

 

Azienda e sindacati hanno individuato i profili e le categorie del personale in esubero. La ICO, nel corso dei numerosi incontri svoltisi in Regione Abruzzo e al Mise, «è sempre stata molto chiara» dice l'amministratore delegato, Manlio Cocchini «e abbiamo spiegato che la nostra unica possibilità è quella di concentrarci sulle linee produttive del semilavorato, della carta grezza. In questa maniera abbiamo una possibilità di rilanciare l’azienda mettendola a sistema con lo stabilimento di San Giovanni Teatino e con gli altri del gruppo, un programma che avrà bisogno di tempo».

 

Nel corso di queste lunghe settimane di trattativa sono state esplorate le diverse possibilità per salvare il maggior numero di posti di lavoro ed evitare la chiusura; ed infatti è stato anche concluso un accordo con un’azienda che gestisce la logistica per Serenity SpA, che, utilizzando il magazzino Prodotto Finito dello stabilimento, impiegherà altre 15 persone.

 

Infine, nell'accordo raggiunto tra azienda e sindacati è stato sottoscritto anche un protocollo ulteriore sui sostegni aggiuntivi da erogare ai lavoratori, fermo restando l'impegno di ICO nel consentire il ricorso a strumenti di outplacement per coloro i quali volessero intraprendere un percorso di riqualificazione professionale