IMPRESE

La Simest entra in Proger per sviluppo in Golfo Persico e Nord Africa

La società di Chieti ha un fatturato di 90 milioni di euro

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2269

La Simest entra in Proger per sviluppo in Golfo Persico e Nord Africa

I numeri della Proger


ABRUZZO. Simest, la società di Cdp per l'internazionalizzazione delle imprese italiane, è entrata con 6 milioni nel capitale sociale di Proger, azienda abruzzese di ingegneria che opera nella progettazione e realizzazione in tutto il mondo nei settori dell'oil and gas e dell'ingegneria civile.
 L'obiettivo della partnership è quello di continuare a approfondire la penetrazione nei paesi del Golfo e del Nord Africa. Proger è infatti una delle maggiori società di ingegneria italiane con un fatturato di oltre 90 milioni di euro e grandi progetti in corso di realizzazione, da ospedali a autostrade, in diversi paesi, in particolare Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti che stanno investendo molto in infrastrutture.
Alla conferenza stampa di presentazione dell'operazione l'Ad di Sismet, Massimo D'Aiuto, ha spiegato che: «E' una grande occasione per entrambi: Proger può essere la punta di diamante del nostro sistema di società che operano nelle infrastrutture, può essere il player che apre il mercato per le altre e creare sinergie grazie alla sua posizione nel Golfo, in Africa e nell'Est Europa. In particolare dovremmo sfruttare le opportunità che si apriranno in Qatar con la coppa del mondo»
Simest è stata creata nel 1991 dal Ministero del Commercio Internazionale come Società Italiana per le Imprese Miste all'Estero per la creazione di una società che partecipasse le aziende create all' estero da imprese italiane, che fornisse loro consulenza e assistenza e che ne promuovesse e sviluppasse le attività.
Dal Novembre 2012 è controllata da Cassa Depositi e Prestiti con una presenza azionaria privata (banche e sistema imprenditoriale).
Partecipa 238 società in tutto il mondo per un valore di 229.93 milioni di euro. Dalla sua nascita ha partecipato in totale 790 aziende. I debiti ammontano a 27.8 milioni, il patrimonio netto a 221.3 milioni. Ha 151 dipendenti.