CRISI E IMPRESE

Bimo Atessa, cancellati i 35 esuberi: accordo migliorativo con la Provincia

Ieri l’incontro nella sede di Confindustria

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2364

Bimo Atessa, cancellati i 35 esuberi: accordo migliorativo con la Provincia




CHIETI. Accordo fruttuoso tra Bimo di Atessa e Provincia di Chieti.
In sostituzione dei 35 esuberi annunciati l’accordo prevede una procedura di mobilità volontaria con incentivo per 15 lavoratori, mentre per i restanti 20 si procederà con i contratti di solidarietà e con diverse forme contrattuali, tra cui i part time. Sono stati inoltre riconosciuti l’adeguamento contrattuale previsto dal CCNL del comparto “Gomma e Plastica” e gli arretrati dei buoni pasto da ottobre 2013 al gennaio 2014.
«Sono molto soddisfatto per l’accordo raggiunto tra i sindacati e i vertici della Bimo di Atessa, sono state accolte le proposte di mediazione che la Provincia ha avanzato e, soprattutto, è stata confermata la presenza dello stabilimento in Val di Sangro». E’ il commento del Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, in merito all’esito dell’incontro svoltosi ieri a Mozzagrogna, presso la sede di Confindustria, sulla vertenza relativa all’azienda con sede ad Atessa, che lo ha visto partecipare assieme all’Assessore provinciale alle politiche del lavoro, Paolo Sisti.
«Abbiamo chiesto e ottenuto da parte del management un patto equo – affermano il Presidente Di Giuseppantonio e l’Assessore Sisti – per salvaguardare e tutelare al massimo i lavoratori attraverso strumenti e forme contrattuali diverse, dando comunque respiro e prospettiva all’azienda. Il momento è particolarmente difficile per tutti, l’auspicio è che questo accordo sia l’avvio di un confronto sereno e positivo, per il bene di tutti».
«Escludiamo il fatto che l’azienda possa chiudere – proseguono il Presidente Di Giuseppantonio e l’Assessore Sisti – anche perché, come ci hanno confermato i vertici aziendali, vi sono buone prospettive di crescita visto che vi sono importanti commesse anche da multinazionali e che il locale stabilimento produce prodotti innovativi. Abbiamo inoltre chiesto che in caso di nuovi investimenti si prediliga il sito di Atessa. Un plauso va ai sindacati e alle RSU per l’attenzione e per l’approccio propositivo».
Le parti hanno concordato un nuovo incontro per martedì 18 marzo prossimo, sempre presso la sede Confindustria a Mozzagrogna, in Val di Sangro.