INDUSTRIA

L'Aquila. Spee, ancora un progetto acquistato dal Miur

Sicurezza del territorio e nuove tecnologie per 22 mln

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1881

L'Aquila. Spee, ancora un progetto acquistato dal Miur




L’AQUILA. Il  Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha  acquisito il progetto esecutivo H@H (Health@Home) proposto dalla società abruzzese SPEE in partenariato con altre società e università, nell’ambito del bando relativo alle Smart Cities and Communities and Social Innovation.
L’acquisizione del progetto esecutivo da parte del MIUR prevede un finanziamento complessivo di  22 milioni di euro.
Il progetto H@H mira a creare un’assistenza al cittadino basata su una rete di servizi (sanitari e sociali) integrati e di dispositivi/sistemi interoperabili.
La rete poggerà su un’infrastruttura basata su paradigmi di cloud computing che sarà finalizzata a connettere le società e gli Enti che offrono i servizi ai soggetti utilizzatori che ne fruiranno (principalmente cittadini e famiglie).
L’infrastruttura sarà aperta e accessibile a tutti e costituirà l’elemento abilitante all’offerta di servizi innovativi attualmente difficilmente erogabili (se non a costi elevati).
Col termine servizi si intendono: i servizi sanitari (monitoraggio a distanza, trattamento dati a distanza, Fascicolo Sanitario Elettronico, telemedicina), i servizi territoriali (erogati da Amministrazioni pubbliche e/o private), i servizi sociali (assistenza domiciliare, gestione delle emergenze) ed anche i servizi base normalmente offerti da privati (farmacie, catering, manutenzione apparecchi domestici).
Il raggiungimento di questi obiettivi richiede importanti innovazioni sul piano delle reti di dispositivi di monitoraggio nelle case, sul piano della gestione remota di servizi innovativi con interfaccia utenti ad hoc e su quello della loro integrazione mediante piattaforma cloud dedicata.
La vasta sperimentazione prevista nelle aree di Treviso e Genova permetterà di valutare le funzionalità ottenibili e di ottimizzare le prestazioni del sistema.
Il Presidente del CdA della società SPEE, Luciano Ardingo, ha commentato: «Ringrazio tutti i nostri collaboratori che, unitamente alle eccellenti professionalità espresse dagli altri partner, hanno permesso il raggiungimento di un così brillante ulteriore risultato».  
L’intento del progetto H@H (HEALTH @ HOME) è quello di creare delle Smart Communities al servizio del benessere del cittadino.
In particolare, l’applicazione di innovativi sistemi di domotica e telecomunicazioni alle scienze mediche consentirà di creare prospettive di servizio inimmaginabili fino a qualche anno fa.