LAVORO E DIRITTO

Lavoro: addio sussidi disoccupazione, arriva Aspi

Più lunga rispetto all'indennità ordinaria ma molto più breve rispetto alla mobilità

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2469

Lavoro: addio sussidi disoccupazione, arriva Aspi

Il ministro Fornero

ABRUZZO. Addio all'indennità contro la disoccupazione involontaria.

Con il nuovo anno arriva l'Aspi, la nuova assicurazione per l'impiego. Fino al 31 dicembre 2012, il sistema degli ammortizzatori sociali prevedeva un anno di cassa integrazione ordinaria e un anno di "straordinaria". Quella straordinaria poteva poi essere estesa fino a tre anni. La cassa integrazione era riservata ad alcuni settori (essenzialmente l'industria escludendo il terziario come anche il trasporto aereo e marittimo) anche se poteva essere eccezionalmente estesa ad altri comparti ricorrendo alla cosiddetta cassa integrazione in deroga. Al termine della Cassa integrazione era poi prevista la mobilità che garantiva ai lavoratori un reddito di circa l'80% del salario con un tetto (attualmente poco al di sotto di 1.200 euro, n.d.r.). Con la recente riforma che diventa operativa con l'inizio dell'anno c'è un'estensione dell'ambito di applicazione della cassa integrazione e la progressiva cancellazione dell'indennità di mobilità e di quella per la disoccupazione che verranno sostituite dall'Aspi, l'Assicurazione Sociale per l'Impiego.
In particolare, per quanto riguarda la Cig da quest'anno, l'ambito di applicazione della cassa integrazione straordinaria, è esteso in maniera definitiva: alle imprese commerciali con più di cinquanta dipendenti; alle agenzie di viaggio (compresi gli operatori turistici) con più di cinquanta dipendenti; imprese di vigilanza con più di quindici dipendenti; alle imprese del trasporto aereo a prescindere dal numero di dipendenti come alle aziende del sistema aeroportuale a prescindere dal numero di dipendenti. Riguardo al trasporto aereo, alla luce delle nuove norme viene abrogata la norma che ha esteso la cassa integrazione straordinaria ai dipendenti dai vettori arerei e ha concesso le riduzione contributive in caso di riassunzione come v iene abrogata anche la legge che ha riconosciuto la cigs e la mobilità ai dipendenti dalle società di gestione aeroportuale e dalle società da queste derivate. Riguardo all'Aspi, è da notare che la durata di questo strumento di sostegno al reddito, sarà un po' più lunga rispetto all'indennità ordinaria di disoccupazione ma molto più breve rispetto alla mobilità: potrà infatti arrivare ad un massimo di 18 mesi contro un limite massimo di 48 mesi della vecchia mobilità. In relazione, poi, all'età anagrafica, l'Aspi durerà non più di 12 mesi per i lavoratori con meno di 55 anni di età, che diventano 18 mesi se si superano i 55 anni di età. Con la riforma viene anche introdotto un ulteriore istituto di sostegno del reddito, denominato mini-Aspi. La mini-Aspi sostituisce l'indennità di disoccupazione con requisiti ridotti, condizionandola alla presenza e permanenza dello stato di disoccupazione. In particolare, la mini-Aspi può essere concessa in presenza di almeno 13 settimane di contribuzione di attività lavorativa negli ultimi dodici mesi, e consiste in un'indennità di pari importo dell'Aspi.