ECONOMIA

Accordo Ance Abruzzo e Banca dell’Adriatico per il rilancio del settore edile

Un plafond di due miliardi di euro in tutta Italia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4949

Accordo Ance Abruzzo e Banca dell’Adriatico per il rilancio del settore edile
ABRUZZO. Contrastare la crisi del settore edilizio e facilitarne la ripresa in sintonia con i provvedimenti inseriti nel Decreto Sviluppo.

Questi i punti fondamentali dell’accordo siglato dall’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e da Intesa Sanpaolo ed oggi presentato nella sede di Ance Abruzzo a Pescara da Antonio D’Intino, presidente dell’Ance Abruzzo, e da Roberto Dal Mas, direttore generale di Banca dell’Adriatico, la banca del territorio del Gruppo Intesa Sanpaolo che opera in Abruzzo, alla presenza di Mauro Angelucci, presidente Confindustria Abruzzo, Enrico Marramiero, presidente Confindustria Pescara, Giandomenico Di Sante, presidente Banca dell’Adriatico e Daniele Becci, presidente Camera di Commercio di Pescara.
L’intento è quello di promuovere uno strumento finanziario per il riavvio dell’attività edilizia sul territorio regionale abruzzese, attività che risente fortemente dell’attuale fase di crisi economica.
L’accordo mette a disposizione delle imprese Ance un plafond di due miliardi di euro (a livello nazionale) per lo sviluppo di iniziative immobiliari con particolare attenzione alla valorizzazione e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente. Principale obiettivo dell’intesa è di agevolare le imprese di costruzioni nella gestione delle unità abitative invendute, nella gestione dell’indebitamento a breve termine, nel finanziamento di nuovi cantieri, nell’anticipo del circolante su opere eseguite per conto di terzi. L’accordo si propone inoltre di sostenere il settore su aspetti fondamentali come l’efficienza energetica, le reti d’impresa, la formazione, l’internazionalizzazione e l’innovazione.
«L’accordo con Intesa Sanpaolo, qui operativo attraverso la banca del territorio del Gruppo, rappresenta un grande risultato soprattutto perché in questo periodo di grave crisi per il settore edile è importante garantire alle imprese sane il sostegno finanziario adeguato – ha commentato il presidente dell’Ance Abruzzo Antonio D’Intino – L’intesa dimostra che con un lavoro congiunto fra banche e imprese si possono individuare strumenti finanziari che meglio rispondono alle esigenze dell’industria delle costruzioni per aiutarla ad uscire dalla crisi. Ripristinare il circuito del credito è un passo fondamentale per la ripresa del settore e del Paese».
«Questo accordo–  ha detto invece Roberto Dal Mas, direttore generale di Banca dell’Adriatico - conferma la nostra volontà di essere al fianco delle imprese per accompagnarle nei processi necessari a traghettare il sistema imprenditoriale oltre la crisi e a guardare al futuro».