AGRICOLTURA

Abruzzo. Ad Halloween trionfa la zucca a km zero

L’appello di Coldiretti di Teramo

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3787

ZUCCHE
TERAMO. Allla festa di Halloween, la ricorrenza che rimanda ad antiche tradizioni celtiche e che viene celebrata anche nel nostro territorio con eventi e iniziative a tema, la zucca è la regina indiscussa.

Ed è proprio in questa occasione che la Coldiretti Teramo invita a riscoprire le proprietà di questo ortaggio genuino e particolarmente adatto durante la stagione invernale perché ricco di vitamina A e sali minerali come potassio, calcio e fosforo, oltre che per il contenuto di fibre che aiutano a difendere l’organismo dai malanni di stagione.
Anche la zucca, come gli altri prodotti del paniere orticolo e frutticolo presenti negli appuntamenti con i mercati di Campagna Amica, rispetta i principi della filiera corta, il rapporto qualità-prezzo, sostenibilità, provenienza e stagionalità. «Halloween - ricorda la Coldiretti – è anche una festa rurale che veniva celebrata dai Celti delle valli lariane per segnare una scadenza del ciclo agricolo: con la fine dei raccolti e il ritorno delle ultime greggi dall’alpeggio, si segnava infatti l’inizio della “buia” stagione invernale. E riportare la zucca alla sua naturale finalità, quella legata alla tavola con la riscoperta di ricette tradizionali che esaltano i prodotti locali può essere anche per i più giovani, una memoria da valorizzare».
La Coldiretti provinciale lancia così l’invito a privilegiare un’alimentazione più sostenibile informando che i prezzi si sono mantenuti sostanzialmente stabili rispetto allo scorso anno e che la zucca a Km zero ha un prezzo più che accessibile che, in base alla varietà, oscilla tra un euro e 1,50 al chilo.
Simbolo per eccellenza della notte di Halloween per il suo riferimento alla leggenda di Jack O’ Lantern, la zucca decora giardini e balconi, ma delizia anche il palato grazie alla sua versatilità in cucina dato che la sua polpa ha un sapore che ben si accompagna sia a ingredienti salati sia a quelli dolci. «Una minestra di zucca – secondo la Coldiretti - consumata a cena aiuterebbe inoltre anche a conciliare il sonno, ma in cucina o da intagliare l’importante è che sia zucca locale».