CHIETI

Lunedì negozi chiusi a Chieti: «salviamo la Provincia»

Confommercio: «serve mobilitazione generale»

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2506

Lunedì negozi chiusi a Chieti: «salviamo la Provincia»

Angelo Allegrino

CHIETI. La diffusione di un volantino e la richiesta, girata alla categoria, di tenere i negozi chiusi e di abbassare le saracinesche lunedì mattina dalle undici a mezzogiorno.
Confcommercio scende in campo a salvaguardia di Chieti e della sua Provincia in vista del Consiglio regionale di martedì che dovrà esprimersi in maniera definitiva sullo scottante tema del riordino delle Province imposto dalla spending review.
«La Provincia di Chieti rischia di perdere la sua autonomia e la città l’importante status di capoluogo. Per questo è partita una sorta di mobilitazione generale», commenta Angelo Allegrino, presidente provinciale Confcommercio Chieti. «Faremo la nostra parte».
L’associazione di categoria ha distribuito un volantino tra le attività commerciali del Colle e dello Scalo che dovrà essere affisso lunedì quando scatterà la serrata cittadina. La locandina riporta la seguente dicitura: “lunedì 22 ottobre, dalle ore 11 alle ore 12, questo esercizio resterà chiuso perché aderisce alla serrata cittadina indetta a difesa di Chieti e la sua Provincia”.
Un messaggio semplice ma chiaro. «Se Chieti perde lo status di capoluogo sarebbe un disastro in quanto- avverte Allegrino- andrebbero via dalla città le sedi degli uffici di emanazione statale, dalla Prefettura, alla Questura, passando per l’Inps, l’Inail, l’Ufficio scolastico provinciale e la Motorizzazione per finire con il Coni, l’Archivio di Stato e tutte le direzioni provinciali delle forze sociali, sindacali e di categoria. Migliaia di persone che gravitano quotidianamente su Chieti lascerebbero la città».
Poi un appello alla politica teatina. «Sia chiaro che a margine di queste iniziative serve un’azione forte della politica locale che deve rimediare agli errori fatti in passato. Chieti- ammonisce Allegrino- deve cambiare marcia e recuperare una sinergia virtuosa con tutto il territorio provinciale evitando di arroccarsi in stucchevoli campanilismi che non portano da nessuna parte.” Marisa Tiberio, presidente delegazione Chieti Confcommercio, aggiunge. “La perdita della nostra Provincia avrebbe una ricaduta significativamente negativa sul tessuto economico della nostra città. Convinti di tutto ciò ci giochiamo questa difficile partita- afferma Tiberio- con la speranza di vincerla. Chieti merita la sua provincia».