INDUSTRIA

Compagnia Italiana rimorchi: «esubero di 67 unità a Tocco da Casauria»

Allarme dei sindacati: «notizia inaspettata»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4082

Compagnia Italiana rimorchi: «esubero di 67 unità a Tocco da Casauria»

VERONA. Nei giorni scorsi si sono incontrati negli uffici di Confindustria Verona le rsu del gruppo compagnia italiana rimorchi delle sedi di Verona , Torino e Tocco da Casauria.
E’ stato presentato il piano industriale per il biennio 2012-2013: le proiezioni hanno evidenziato un esubero di personale di 67 unità per il sito produttivo di Tocco da Casauria a fronte di 186 unita, 69 unità a Torino e di 60 unità su Verona.
Per la Fiom-Cgil di Pescara rappresentata dal segretario regionale Nicola di Matteo e dal segretario provinciale Gino Marinucci, la posizione dell'azienda dagli incontri fatti a livello territoriale e nazionale fino ad adesso era totalmente diversa sia in termini di esubero ed in termini di mercato. «Adesso ci troviamo quindi di fronte ad un quadro totalmente degenerato».
I sindacati si dicono «increduli» rispetto ai dati degli esuberi che l'azienda ha comunicato e ritengono che lo stabilimento possa non essere gestito complessivamente da 120 unità a fronte di una produzione di 130 veicoli al mese. «Negli incontri fatti in passato la proprietà ci ha sempre rassicurato che il sito produttivo di Tocco da Casauria non poteva impiegare meno di 180 unità per il suo funzionamento. I lavoratori hanno sempre esaudito e collaborato totalmente alle richieste dell'azienda (straordinari , rilevazioni dei tempi , flessibilità)».
In attesa dei prossimi incontri previsti per il 17 di ottobre territorialmente ed il 18 a Roma in sede plenaria i sindacati auspicano che l'azienda riveda un quadro occupazionale «più consono alle reali necessità di funzionamento dell'azienda».
La situazione verrà affrontata con tutti i dipendenti nell'assemblea che ci sarà lunedi 15 dalle 16 alle 18.