IMPRESE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Credito garantito: CariChieti firma l’accordo pro imprese

L’intesa è stata firmata da CariChieti e Sace Fct

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4026

La sede della Carichieti

La sede della Carichieti

CHIETI. Stretta di mano, oggi, tra la Carichieti e la Sace Fct sull’accordo che assicurerà alle imprese creditrici verso le pubbliche amministrazioni il pagamento puntuale delle fatture.

Il documento è stato firmato dal direttore generale di CariChieti Roberto Sbrolli e dal direttore generale di Sace Fct, Franco Pagliardi. Per l’accordo è stato messo a disposizione un plafond di € 60 milioni di euro.
La formula utilizzata è quella del reverse factoring un sistema che garantisce all’impresa fornitrice di una pubblica amministrazione l’incasso della fattura entro la data di scadenza. Un metodo studiato proprio per far fronte al fastidioso problema delle amministrazioni che affidano progetti alle imprese e poi non le pagano.
Dopo l’accordo funzionerà così: le imprese abruzzesi potranno rivolgere alle 70 filiali di CariChieti per attivare i servizi di reverse factoring offerti da Sace Fct.
I benefici per le aziende saranno: certezza dei tempi di incasso, efficienza amministrativa, maggiore capacità di offerta, minori oneri finanziari, riduzione del contenzioso con la pubblica amministrazione. Anche gli enti pubblici a loro volta, vedranno una riduzione del costo finanziario potenziale del ritardo di pagamento, l’ampliamento della gamma dei fornitori potenziali possibile e la riduzione del contenzioso con i fornitori.
La partnership tra CariChieti e Sace Fct sarà rafforzata dall’accordo di collaborazione firmato con Ance Abruzzo, rappresentata dal presidente Antonio D’Intino. Nell’ambito dell’intesa, le parti si impegnano a cooperare per promuovere l’offerta dei servizi di reverse factoring tra le imprese edili associate a Ance Abruzzo.
«Siamo lieti di poter rafforzare il nostro impegno in Abruzzo al fianco di uno dei maggiori istituti di credito della regione», ha dichiarato Franco Pagliardi, «che conta su una forte presenza sul territorio e una relazione storica con il tessuto imprenditoriale locale».
Parole di entusiasmo sono state espresse anche da Antonio D’Intino: «questo accordo rappresenta un importante sostegno alle imprese Ance in un momento di grave crisi economica e che vantano ingenti crediti nei confronti delle Pa».