ECONOMIA

Scamorza d’Abruzzo e il confetto di Sulmona verso Igp

Camera di Commercio: «passo importante in tempo di crisi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2945

Scamorza d’Abruzzo e il confetto di Sulmona verso Igp
SULMONA. Si sta predisponendo l'iter per il riconoscimento e la promozione dell'Igp (indicazione geografica protetta) del confetto di Sulmona e della Scamorza d'Abruzzo.

«In un momento di crisi generalizzata, che tocca tutti i settori dell'economia, intendiamo accompagnare con iniziative concrete il percorso di valorizzazione dei prodotti locali e delle imprese che operano nella nostra provincia», spiega il presidente della Camera di commercio della provincia dell'Aquila, Lorenzo Santilli, che ieri ha riunito la giunta camerale nel comune di Sulmona.
«L' indirizzo programmatico dell'ente camerale», ha spiegato Santilli, «è quello di una vicinanza, non solo formale, all'intero territorio provinciale e alle imprese che ne fanno parte. E' in quest'ottica che abbiamo istituzionalizzato le cosiddette giunte camerali "itineranti", che verranno cioè convocate non solo all'Aquila, ma nella Marsica, nella Valle Peligna, a Castel di Sangro».
La giunta camerale, guidata dal presidente, Santilli, e dal direttore, Francesco Prosperococco, dopo la riunione dell'organo esecutivo dell'ente ha incontrato l'amministrazione comunale di Sulmona, le associazioni di categoria e gli imprenditori della Valle Peligna.
«Nel corso dell'incontro», ha spiegato Santilli, «sono state affrontate le problematiche inerenti la crisi economica, che ha pesanti riflessi negativi anche sull'occupazione. In particolare, ci siamo occupati del settore confettiero di Sulmona, che vanta una lunga e rinomata tradizione. Proprio per incentivare e valorizzare il confetto di Sulmona abbiamo dato il via all'iter per il riconoscimento del marchio IGP, come pure per la Scamorza d'Abruzzo».
Un percorso a più tappe, con un primo passaggio al ministero della Politiche agricole, per poi ottenere l'approvazione definitiva dell'Unione Europea. Tra gli argomenti toccati nella riunione con le associazioni di categoria e il mondo imprenditoriale, le difficoltà di accesso al credito e l'azione che la Camera di commercio metterà in campo a tutela delle imprese della provincia dell'Aquila.
«Un'azione di raccordo con gli enti locali e di sviluppo concreto di iniziative che favoriscano anche la commercializzazione delle produzioni manifatturiere e agroalimentari sia sul mercato domestico che sui mercati internazionali. Le nostre aziende», ha aggiunto Santilli, «soffrono, in modo pesante, la stretta creditizia e gli ostacoli burocratici per l'ottenimento dei finanziamenti dalla banche». La Camera di commercio dell'Aquila ha proposto, infine, una convenzione con il Comune di Sulmona, che potrebbe ospitare e prendere in gestione gli uffici camerali che attualmente operano sul posto e che sono aperti al pubblico due giorni la settimana, consentendo così una fruizione giornaliera dei servizi dell'ente. Una sperimentazione già avviata con successo a Carsoli.