SKI PASS

Turismo Maielletta. Confcommercio: «ski pass unico»

Ritorna una vecchia richiesta mai realizzata

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2890

Turismo Maielletta. Confcommercio: «ski pass unico»
CHIETI. Uno ski pass unico per accedere alle piste di Passolanciano e della Maielletta e rilanciare il turismo nostrano.

La proposta arriva da Confcommercio durante il tavolo istituzionale di ieri pomeriggio a Pescara. Presenti il presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio, il presidente della Provincia di Pescara Guerino Testa, il presidente della Confcommercio di Chieti Angelo Allegrino ed il direttore della Confcommercio di Pescara Walter Recinella. «Fondi Fas sbloccati per la Maielletta».
Una proposta vecchia, più volte reiterata e sempre caduta nel vuoto. Difficile mettere insieme posizioni diverse e tutti gli operatori in campo, sempre troppo debole l’azione degli enti coinvolti. Così il ritornello si ripete ad ogni stagione.
L’invito di Confcommercio è rivolto soprattutto agli operatori turistici perché superino i personalismi e gli interessi privati. Un primo step in questa direzione, secondo l’associazione di categoria, è proprio uno ski pass unico: un tesserino di abbonamento che dà libero accesso a tutti gli impianti di risalita in una stazione sciistica così da offrire allo sciatore la possibilità di scegliere tra centinaia di chilometri di piste da discesa e da fondo, vari impianti di risalita e strutture ricettive diverse.
Il progetto, poi, fa sapere l’associazione può contare sui fondi Fas, sbloccati per il rilancio della Maielletta e pari a 5 milioni e 400 mila euro. Resta in piedi, infine, l’idea più ambiziosa di uno ski pass regionale per tutte le stazioni sciistiche abruzzesi.
«La montagna», spiega il presidente di Confcommercio Angelo Allegrino, «è un bene di tutti e i titolari degli impianti di risalita devono sapere che la loro opposizione allo ski pass unico mette a rischio almeno un centinaio di posti di lavoro senza dimenticare i danni arrecati all’economia dell’indotto montano. Un comprensorio turistico importante come la Maielletta, dalle potenzialità turistiche infinite, deve essere valorizzato al meglio ed è fondamentale la continua collaborazione tra le imprese e le istituzioni».
Le istituzioni si erano già mosse in questa direzione lo scorso settembre in una riunione svoltasi presso la Provincia di Chieti alla quale hanno presero parte i presidenti delle Province di Chieti e Pescara, Enrico Di Giuseppantonio e Guerino Testa, l’assessore regionale ai trasporti Giandonato Morra ed il dirigente Virgilio Basile, il presidente della Sangritana Pasquale Di Nardo. In quella sede le Province si erano rese disponibili al coordinamento delle iniziative finalizzate alla realizzazione dello skipass unico e alla promozione del comprensorio montano mentre la Sangritana aveva offerto la propria disponibilità nella gestione di impianti scioviari.