ECONOMIA

Nessuna rassicurazione sulla proroga delle tasse per le imprese

Confartigianato Abruzzo incontra il Ministro Corrado Passera

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1675

Nessuna rassicurazione sulla proroga delle tasse per le imprese
ABRUZZO. Scongiurare la stretta creditizia e potenziare il ruolo dei Consorzi Fidi e del e Fondo Centrale di Garanzia.

Sbloccare i pagamenti della pubblica amministrazione, con possibilità di compensare i debiti e i crediti nei confronti di quest’ultima; rilanciare il piano casa per incentivare, conseguentemente l’economia reale; rendere il Sistri  ( il sistema telematico per la tracciabilità dei rifiuti pericolosi) più snello e meno impattante per le micro e piccole imprese.
Queste, in sintesi, alcune delle misure previste nel “pacchetto di richieste” presentate da Confartigianato al Ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, nel corso dell’incontro che si è tenuto tra la Giunta Esecutiva di Confartigianato ed il Ministro.
«Abbiamo presentato un insieme di misure – spiega Angelo Taffo, presidente di Confartigianato Abruzzo – a nostro avviso non procrastinabili, che servirebbero di ridare una boccata d’ossigeno alle nostre imprese artigiane, ormai allo stremo. Abbiamo chiesto al Ministro, che si è dimostrato attento alle esigenze degli artigiani ed ha risposto positivamente alle nostre richieste confermando il proprio impegno nella ricerca di soluzioni concrete e nel minor tempo possibile - anche di il rapido recepimento della direttiva europea sui termini di pagamento e l’introduzione del sistema dell’Iva per cassa, in modo da consentire il versamento dell’Iva al momento dell’effettivo pagamento della fattura da parte del debitore».
«Le ultime previsioni del Fondo Monetario Internazionale ­ -  sottolinea Daniele Giangiulli, direttore dell’associazione degli artigiani -  confermano il ritorno in recessione dell'economia italiana: per il 2012 è previsto un calo del PIL del 2,2% seguito, nel 2013, da un'ulteriore flessione dello 0,6%. Per questo,  tra le priorità indicate da Confartigianato al Ministro Passera, c’è s la necessità di sostenere  l’internazionalizzazione, l’innovazione e la ricerca, la cooperazione in reti, oltre che la tutela del made in Italy, presupposto indispensabile per mantenere invita molte imprese artigiane abruzzesi».
 In tema di energia Confartigianato ha puntato il dito sui costi elevatissimi delle bollette pagate dalle piccole imprese italiane, più care del 30% rispetto alla media europea”. 
«Siamo molto soddisfatti dell’incontro – conclude Giangiulli - . Unica nota negativa: le mancate rassicurazioni sulla proroga del pagamento delle tasse per le imprese colpite dai danni atmosferici, tra cui la nostra regione».