ECONOMIA

Debito Stato imprese: quello che l’Italia non dichiara, la Germania “armonizza”

Il Bel Paese non contabilizza, i tedeschi ricorrono ad un “trucco”

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2115

Renato Brunetta

Renato Brunetta

ROMA. Esiste un meccanismo in Italia che sfugge anche all’occhio più attento. Si tratta dei debiti che lo Stato contrae con le imprese, spesso non contabilizzati, pena l’emergere di un maggior debito pubblico.


«La corsa a nascondere di più per non essere bacchettati dai decani dell’Ue, è una peculiarità tutta italiana», dice Renato Brunetta  che mette a confronto il nostro sistema con quello tedesco.
Come far si’ che la trasparenza dello Stato non intacchi ulteriormente il debito pubblico?
La risposta, secondo Brunetta va ricercata nel sistema tedesco. Anche la Germania ha un consistente debito Stato-impresa ma attraverso un accorgimento riesce a non farlo pesare sulle casse statali.
In Italia le cose funzionano più o meno così: lo Stato contrae debiti nei confronti delle imprese, le paga piu’tardi, l’ impresa fattura di piu’, i debiti contratti non vengono esplicitamente contabilizzati. In Germania, invece, non solo il debito Stato-imprese è dichiarato ma non grava neppure sul bilancio statale.
Lo Stato tedesco ha una Cassa Depositi e Prestiti (Kreditanstalt fuer Wiederaufbau) che contabilizza anche il debito Stato-imprese posseduto all’80% dallo Stato e per il restante 20% dai Laender.
L’Esa95 (European System of National and Regional Accounts), un trattato con il quale l’Eurostat ha definito i criteri statistici di valutazione legalmente vincolanti per l’Unione europea, permette infatti di escludere dalla contabilita’ del debito le passivita’ di quegli enti che si finanziano con pubbliche garanzie, ma che coprono il 50,1% dei propri costi con ricavi di mercato e non con versamenti pubblici, tasse e contributi.
Si tratta proprio del caso tedesco: la Cassa depositi e prestiti in Germania, essendo una banca, si finanzia sia con capitali pubblici (Stato), sia con quelli privati.
Risultato: trasparenza e debito pubblico più leggero.