ABRUZZO

Farmacie rurali aperte per neve. Orlandi: «piccoli punti di emergenza sanitaria»

Nei giorni di emergenza la croce verde sempre accesa

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2362

Farmacie rurali aperte per neve. Orlandi: «piccoli punti di emergenza sanitaria»
L’AQUILA. Lontane dai riflettori sotto una coltre di neve. Le farmacie rurali operano in questo contesto. Parola di Alfredo Orlandi, aquilano, farmacista rurale e presidente di Federfarma Sunifar (sindacato delle farmacie rurali italiane) che scrive una lettera aperta alle istituzioni.

Al centro della missiva l’ impegno delle piccole farmacie come punti di emergenza sanitaria nell’emergenza neve. Quando i grandi centri commerciali alle ore 16.00 del pomeriggio hanno chiuso i battenti per disagio neve, osserva Orlandi, «e le Asl non rispondono alle telefonate, anche quando negli ospedali si è attivi solo per le emergenze, le piccole farmacie rurali sono aperte». «Siamo stati tutti al lavoro, anche oltre agli orari e ai turni prestabiliti», fa sapere, «come si fa a lasciare la popolazione senza farmacia? Si parla continuamente dei disagi di Roma, eppure c’è una realtà rurale che, senza lamentarsi, lavora, umilmente, in silenzio». Da due giorni molte realtà in Abruzzo sono isolate dal mondo. La gente è costretta ad affrontare l’emergenza senza farmaci, beni di prima necessità, energia elettrica, riscaldamenti
«Mi viene da sorridere ascoltando le notizie del caos romano», commenta Orlandi, «per la nevicata capitolina; alzo lo sguardo e vedo il muro di neve che ha completamente sepolto le auto davanti la mia Farmacia e penso al mio paese isolato: chiusa la strada statale, chiusa l’autostrada. Penso ai colleghi della Valmarecchia che ho sentito telefonicamente pochi minuti prima, penso ai colleghi del Molise ed a quelli del frusinate».
Infine una stoccata a chi dipinge i farmacisti come lobbisti e portatori di interessi particolari.
«Dove sono finiti», conclude,«in questi giorni i tanti commentatori che su mille pagine di quotidiani ci hanno descritto come la peggiore delle lobby?».