Carote del Fucino: la certificazione Igp si fa più semplice

Dopo anni di trattative è stato raggiunto un importante traguardo per l'agricoltura del Fucino

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3302

Carote del Fucino: la certificazione Igp si fa più semplice
ABRUZZO. Modificato il disciplinare di produzione per consentire ai produttori della Carota dell’Altopiano del Fucino una certificazione più agevole.

ABRUZZO. Modificato il disciplinare di produzione per consentire ai produttori della Carota dell’Altopiano del Fucino una certificazione più agevole.
Sarà più immediato, dunque, ottenere il prestigioso marchio comunitario “Igp” (Indicazione Geografica Protetta). La modifica del disciplinare, ha riguardato gli articoli 2 e 7 che riguardano nello specifico le varietà, caratteristiche e proprietà fisiche per il primo e controlli e vigilanza per il secondo e si era resa necessaria a causa dei troppo elevati parametri analitici raggiungibili dai produttori solo attraverso l’utilizzo di tecniche di coltivazione non ordinarie. Coldiretti in proposito auspica una maggiore flessibilità per quanto riguarda il confezionamento e la trasformazione con una diminuzione dei costi a carico degli agricoltori.

Ma non solo, come sostiene il presidente dell’associazione provinciale Salvatore Di Benedetto «uno dei presupposti fondamentali affinché “funzioni” il riconoscimento IGP è che il maggior numero possibile di produttori possa certificare il proprio prodotto incrementando il volume d’affari, ma maggiori sono i vincoli dettati dal disciplinare minore sarà il numero di prodotti caroticoli che potrà ottenere il riconoscimento. Uno dei problemi da arginare è ad esempio quello legato al limite geografico della trasformazione».

Nella campagna di commercializzazione del 2011 sono stati certificati dall’organismo indipendente riconosciuto dal Ministero circa diecimila quintali di carote a fronte di una produzione complessiva di circa 1,6 milioni di quintali. Con l’attuale modifica al disciplinare sarà sicuramente una più ampia parte dei produttori agricoli del nostro territorio a poter ottenere il marchio IGP, ma molto dev’essere ancora fatto per valorizzare un importante eccellenza locale.