Abruzzo, poveri ancora in aumento: in 33 mila assistiti dal banco alimentare

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1669

ABRUZZO. Rispetto all’anno scorso sono aumentati del 7,2 per cento. Luigi Nigliato: «un anno intenso al servizio di tutti».

Povertà ancora in aumento in Abruzzo: nel 2011 le persone in condizioni di disagio assistite dal Banco Alimentare sono diventate 32.920, a fronte delle 30.713 del 2010, con un incremento del 7,2 per cento. Questi indigenti sono assistiti mediante 193 strutture convenzionate con il Banco, cinque in più dell’anno scorso, quando sono stati distribuiti 2.188.473 kg di prodotti rispetto ai 1.910.837 dell’anno precedente, con un incremento pari al 14,5 per cento. Sono i numeri del Banco Alimentare dell’Abruzzo, la realtà con sede in via Celestino V a Pescara, che quotidianamente raccoglie da aziende agroalimentari, grande distribuzione e Agea (Agenzia per Erogazioni in Agricoltura) le eccedenze alimentari e le distribuisce ai poveri della nostra regione mediante una consistente rete di strutture convenzionate (associazioni di volontariato, parrocchie, caritas, enti assistenziali, case famiglia, mense dei poveri e via dicendo).

«Sono numeri – commenta Luigi Nigliato, presidente del Banco Alimentare dell’Abruzzo – che da un lato testimoniano il progressivo aumento di condizioni di povertà in Abruzzo, che indebolisce ogni giorno di più quello che un tempo era il “ceto medio”. Dall’altro, parlano della crescente sensibilità di aziende agroalimentari e grande distribuzione, che hanno capito l’importanza di combattere lo spreco donando le eccedenze e partecipando ad una azione sociale di bene. In questo senso - conclude Nigliato - la catena della solidarietà nella nostra regione, che ci vede seriamente impegnati, diventa ogni anno più rodata, a beneficio davvero di tutti».

Il 2011, dunque, sarà per il Banco Alimentare dell’Abruzzo un anno di intenso lavoro, che si è aperto con una buona notizia: la stipula nelle settimane scorse di un accordo con Vega Prefabbricati, azienda di Controguerra (Te) leader in Abruzzo nel settore dei prefabbricati, che per ogni contratto stipulato devolverà una somma al Banco, sostenendone le attività. Accordo che si aggiunge a quello sottoscritto in passato con la società editoriale M&N Service nell’ambito del Marketing Sociale Abruzzo.

In programma anche tante altre iniziative. Si parte il 23 marzo quando, durante la trasmissione "Le Iene" in onda su Italia 1 alle ore 21.00, verrà presentato il progetto "Nutriamo la speranza", a cura della Fondazione Banco Alimentare, realizzato nell'ambito dell'iniziativa di solidarietà "La fabbrica del sorriso 2011" promossa da Mediafriends. Il Banco dell’Abruzzo, che è una delle sedi locali coordinate a livello nazionale proprio dalla Fondazione, invita tutti a sostenere l'iniziativa inviando un sms solidale al numero che verrà indicato durante la trasmissione.

Il 5 aprile, poi, sarà la volta dello spettacolo “La penultima cena”, monologo di Paolo Cevoli di Zelig, in programma al teatro Massimo di Pescara alle ore 21.30: l’intero ricavato sarà devoluto al Banco dell’Abruzzo.

In primavera, poi, sarà lanciato l’innovativo progetto Siticibo, consistente nella raccolta e distribuzione di prodotti freschi ad alcune strutture convenzionate (maggiori dettagli al riguardo di questa importante iniziativa saranno forniti più avanti), mentre d’estate ritornerà l’Open House, la serata conviviale per imprenditori e amici che si svolgerà presso il magazzino di via Celestino V. In autunno, infine, si lavorerà per l’organizzazione di una nuova edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, la raccolta che si svolgerà l’ultimo sabato di novembre anche in Abruzzo.

12/03/2011 10.28