Pesca, i mercati ittici regionali interconnessi per interagire tra loro

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1695

ABRUZZO.Sottoscritto un protocollo d'intesa per l'avvio del Mercato ittico telematico.

Lo hanno firmato stamattina, a Pescara, nella sala Grisi dell'assessorato alle politiche agricole, Mauro Febbo, il presidente del Centro Agroalimentare "La Valle della Pescara", Stefano Maurizio Costa, e i rappresentanti istituzionali dei comuni delle quattro marinerie che vi hanno aderito, quelle di Pescara, Giulianova e Ortona.

Solo il Comune di Vasto era assente in quanto alle prese con le problematiche legate alla crisi amministrativa, ma verbalmente ha confermato l'adesione.

Il piano operativo del progetto, che si appoggia sul fondo FEP, prevede la messa in rete di tutti i mercati ittici abruzzesi. Il Centro Agroalimentare sarà il riferimento logistico e, mettendo a disposizione la sua organizzazione telematica, fungerà anche da location per la raccolta del pescato in attesa dello smistamento. L'obiettivo è di potenziare i quattro mercati ittici riunendoli virtualmente in un unico mercato regionale in grado di interagire in tempo reale con altri importanti mercati italiani in modo da commercializzare il pescato anche al fuori dell’Abruzzo.

Nelle intenzioni, l'incremento degli scambi commerciali dovrebbe, infatti, poi estendersi all'area dei Balcani. «Attualmente», ha proseguito l'assessore Febbo,« guardiamo soprattutto ai mercati ittici del nord come quelli di Milano, Torino, Bologna. Ma ci interessano molto anche Roma e Palermo. Daremo un prezioso supporto agli operatori del settore con un’attenzione particolare alla qualità dei prodotti e alla sicurezza alimentare. Nella sostanza, vogliamo consentire alle nostre marinerie di accedere a mercati importanti e, contestualmente, dare maggiori garanzie ai consumatori con più servizi, più controlli e più certezze in virtù della tracciabilità delle merce e della creazione di un "marchio regionale" distintivo del pescato locale». Concretamente, i mercati di Pescara, Giulianova, Ortona e Vasto rimarranno nelle loro attuali infrastrutture che, però, avranno la possibilità di essere ammodernate relativamente all'aspetto informatico.

23/02/2011 15.39