Bando da 1,5 milioni euro per assumere giovani svantaggiati

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2042

ABRUZZO. A partire da giovedì 20 gennaio, potranno essere presentate le domande per partecipare alla procedura a sportello prevista dal progetto 'Welfare to Work'.

L'assessorato alle Politiche Attive del Lavoro eroga 1,5 milioni di euro di fondi nazionali per incentivare le assunzioni di lavoratori abruzzesi. Il progetto prevede bonus assunzionali a favore dei datori di lavoro e di tutte le imprese del territorio regionale, con meno di 50 dipendenti, interessate ad assumere soggetti svantaggiati con un rapporto di lavoro determinato o indeterminato. I bonus previsti sono di due tipi: di 5.000 euro in caso di assunzione con contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, in caso di assunzione con contratto di apprendistato e, infine, in caso di trasformazione del contratto da tempo determinato, inferiore a 12 mesi, a tempo indeterminato.

Sarà di 2.000 euro, invece, il bonus per ogni soggetto assunto con contratto a tempo determinato di almeno 12 mesi.

«Le imprese e i lavoratori abruzzesi - spiega l'assessore Gatti - possono verificare l'impegno continuo, da parte del governo regionale, a reperire risorse europee e nazionali per realizzare azioni mirate e concrete in grado di stimolare l'occupazione. Con il progetto Welfare to Work, per i tempi scelti, i soggetti che finanziamo e i fondi appostati, abbiamo di fatto realizzato un ponte fra 'Lavorare in Abruzzo 1' e 'Lavorare in Abruzzo 2' che a breve sarà operativo».

«Nel solo 2010 - prosegue - abbiamo finanziato con oltre 40 milioni di euro progetti per incrementare l'occupazione e stabilizzare i contratti precari, che hanno già prodotto oltre 2.700 opportunità di lavoro e, sono certo, altre ne produrranno. Il nostro patto con gli attori sociali lo abbiamo stretto da tempo e le azioni che stiamo realizzando per contrastare la crisi sul fronte dell'occupazione sono il frutto di un confronto serio che ha il pregio di scegliere strumenti condivisi e individuare le priorità più urgenti».

«Tutti gli oltre 190 milioni di euro - conclude - stanziati per ammortizzatori sociali in deroga, a sostengo di oltre 20.000 famiglie abruzzesi, e tutti i 134 milioni di programmazione del Fondo Sociale Europeo sono stati condivisi e concordati con i rappresentanti della società abruzzese».

18/01/2011 12.33