Cassa integrazione, 33 milioni di ore nel 2010

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1544

ABRUZZO. In Abruzzo le ore di Cassa Integrazione autorizzate dall’Inps nell’anno 2010 sono state 33.278.689, mentre nel 2009 ne sono state 35.335.127.

I beneficiari sono stati 16.030. La provincia più colpita rimane quella di Teramo con 12.039.086 ore.

Nelle altre provincie di Pescara, Chieti e L’Aquila sono state autorizzate rispettivamente 2.957.119, 9.736.153 e 8.546.331 ore. Si rileva un lieve aumento rispetto al 2009 nella provincia di Pescara e una flessione in quella di Chieti e L’Aquila.

E’ cambiata, però, notevolmente la sua composizione con forte diminuzione della CIG ordinaria e aumento di quella straordinaria e in deroga.

L’ulteriore dato negativo è l’ aumento dei beneficiari dell’indennità di mobilità che sono passati da 5.342 (nel 2009) a 7.193 (nel 2010). Tale incremento ha interessato tutte e quattro le provincie.

Infine l’effetto della CIG, sempre nel 2010, ha prodotto una riduzione complessiva dei salari pari a circa 120 milioni di euro: ogni lavoratore rimanendo per 12 mesi in Cassa Integrazione perde mediamente 7.516 € (Studio elaborato da CGIL Nazionale). Ciò è causato dal fatto che i trattamenti di CIG prevedono i massimali : 840,81 € (lordo) a fronte di una retribuzione mensile di riferimento pari o uguale a 1931,86 €; 1.010,57 € (lordo) se la retribuzione mensile è superiore a 1.931,86 €;

Questa difficile situazione preoccupa molto la CGIL Abruzzo: «senza interventi straordinari», commenta Sandro Giovarruscio, «sia Regionali che Nazionali a sostegno dello sviluppo e del lavoro, sarebbe difficile invertire la tendenza».

17/01/11 11.51