Chiude dopo 34 anni la Cantina di Jozz di Pescara Vecchia

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

9330

PESCARA. Dopo 34 anni Pescara Vecchia perde uno dei suoi ristoranti storici, la Cantina di Jozz. Ma la crisi economica non c'entra. Jozz abbandona nel pieno del successo…

PESCARA. Dopo 34 anni Pescara Vecchia perde uno dei suoi ristoranti storici, la Cantina di Jozz. Ma la crisi economica non c'entra. Jozz abbandona nel pieno del successo…

L'addio è comparso qualche giorno fa sul sito del noto ristorante anche se i clienti più affezionati erano a conoscenza da tempo.

 «Jozz (Giovanni Giannandrea, ndr) -e signora- se ne jozz in vacanza! E questa volta a tempo indeterminato! Abbiamo chiuso per l’ultima volta la porta del locale; è stata un’avventura lunga 34 anni, è giunto il tempo di volgere la poppa al vento e la prua all’orizzonte!»

Le vere ragioni della chiusura sono piuttosto semplici, spiega Alessandro Giannandrea: «dopo aver ripreso la gestione del locale ed averlo riportato allo splendore di sempre, Jozz e Signora hanno deciso, soddisfatti, che era giunto il momento di andare in pensione».

La "crisi" economica pare che abbia risparmiato in toto l'attività del locale: «noi, come tanti ottimi locali della zona, fortunatamente non ne abbiamo risentito per nulla, anzi nell'ultimo anno abbiamo dovuto mandare a casa un sacco di clienti a causa del grande afflusso che ha riempito al massimo della capienza le nostre sale praticamente tutti i  fine settimana».

Il locale, uno dei più noti di Pescara e punto di riferimento di quella zona, ancor prima che una decina di anni fa venisse rivalutata, era anche noto per il suo estroso titolare, amante della buona cucina che però non risparmiava di infarcire piatti con sortite ed aneddoti popolari della tradizione abruzzese che divertivano gli avventori.

In progetto ci sarebbe una iniziativa culturale di diffusione delle ormai storiche ricette patrimonio della più che trentennale esperienza e ricerca portata avanti alla "Cantina". «Come è facilmente immaginabile Jozz, un po' pioniere e un po' pirata, non si affiderà a mezzi tradizionali per portare avanti l'iniziativa... ma in questo caso un po' di suspence, mi perdonerà, è d'obbligo!»

Nel frattempo i titolari si godranno un viaggio in India, ma senza dimenticare l'orto e le terre della fattoria di famiglia.

Il ristorante, fondato nel 1976 si è contraddistinto negli anni per ingredienti rigorosamente a km zero, il meglio dei vini abruzzesi e le ricette fuse con la mitologia contadina. Ora la Pescara bene e gli amanti delle prelibatezze ricercate nella tradizione abruzzese dovranno cambiare indirizzo.

15/01/2011 16.02