Cia e Inail per risollevare il comparto dell’agricoltura locale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1966

ABRUZZO. La Confederazione Italiana Agricoltori d’Abruzzo, in partnership con Inail Abruzzo, ha presentato un nuovo progetto di rilancio dell’agricoltura locale.

“Agricoltura Sicura: azioni di sistema per la sicurezza di Imprese ed Imprenditori” è il nome dell’iniziativa che avrà una durata biennale ed ha una dimensione regionale, andrà a sviluppare azioni di sistema integrate e sinergiche fra loro che avranno diversi e molteplici obiettivi, ma un comune denominatore che sarà quello di «provare a ridurre, in maniera sensibile, la percentuale degli infortuni sul lavoro e nei luoghi di lavoro di tutte le filiere del comparto agricolo ed agroalimentare».

 Per la Confederazione Italiana Agricoltori d’Abruzzo questo progetto e la sua attuazione rappresentano «una importante occasione per favorire positivi effetti moltiplicatori che dovranno concorrere a radicare, nelle Imprese e nei loro conduttori, la “cultura della sicurezza sul lavoro e per il lavoro”».

 Sicurezza che significa anche scelte, investimenti e superamento di schematismi

e luoghi comuni che non possono essere più presenti in tutte quelle aziende che hanno scelto la qualità e la competitività quali obiettivi primari della propria attività. Il percorso progettuale,dunque, attraverso un preciso piano di lavoro svilupperà una strategia incentrata su fasi ed azioni quali: «sviluppare efficaci strategie di comunicazione ed informazione, sui temi della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, destinate a target diversi quali imprese, portatori di interesse, altre parti sociali, addetti ai lavori ed attori istituzionali a vario titolo coinvolti; Realizzare una indagine territoriale, su base regionale, rivolta a 600 aziende della Regione ed a 200

lavoratori operanti nelle diverse filiere produttive con lo scopo di “leggere meglio le problematiche sulla sicurezza” e capire quali strumenti e strategie debbano essere messe in atto per “invertire l’attuale stato di cose ”. Ma anche formare gli operatori e gli addetti ai lavori nel garantire azioni di consulenza ed informazione sui temi

della prevenzione e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Questi, per grandi linee, i temi e gli obiettivi che il progetto si prefigge di raggiungere.

14/01/2011 15.25