Energia rinnovabile, a L'Aquila investimento di 30 milioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2223

L’AQUILA. La nuova società sarà partecipata all'86% da Futuris SpA e al 14% da MA&D.

Il 30 agosto scorso, la Regione Abruzzo ha concesso a MA&D Power Engineering Spa società milanese impegnata nello sviluppo di infrastrutture energetiche e ambientali - l'autorizzazione per la realizzazione nel nucleo industriale dell'Aquila, precisamente a Bazzano Sud, di un impianto di produzione di energia elettrica e termica a biomasse solide di origine agricola e forestale.

A seguito del nulla osta, il testimone passa ora a Futuris Aquilana Srl, società attiva nel settore delle energie rinnovabili, in particolare delle Biomasse, che realizzerà e gestirà l'impianto. Futuris Aquilana, sulla base di un'ingegneria esecutiva già avanzata, inizierà la realizzazione dell'impianto nell'autunno del 2010 per avviare la produzione nei primi mesi del 2012. L' investimento previsto - il piu' consistente sul territorio esclusi quelli legati alla ricostruzione dopo il terremoto del 2009 - e' pari a 30 milioni di euro e consentirà la creazione di circa 20 posti di lavoro, destinati agli addetti all'impianto, e di circa 80 unita' equivalenti legate all'attività di filiera.

Questa operazione - spiga una nota - porta a compimento un percorso che ha visto coinvolti attivamente anche gli Enti locali, territoriali e le Pubbliche Amministrazioni del territorio aquilano e della Regione Abruzzo. L'autorizzazione ottenuta e' dunque l'atto finale di un processo caratterizzato da una forte concertazione tra le parti e dalla conciliazione tra obiettivi imprenditoriali e esigenze del territorio che hanno portato, in fasi successive, anche alla costituzione di una Società Consortile di filiera (Energia e Territorio) destinata a sviluppare l'approvvigionamento dell'impianto. Si costituisce così in Italia una delle prime filiere agricole e forestali energetiche, basate sul principio della filiera corta (la biomassa proviene da un bacino entro i 70 km di distanza dall'impianto). 07/09/2010 18.05