Vendemmia 2010, «eccellente per produzione e qualità»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2319

ABRUZZO. Non c'è ancora l'ufficialità ma le previsioni sono più che soffisfacenti.  

MONTEPULCIANO D'ABRUZZOABRUZZO. Non c'è ancora l'ufficialità ma le previsioni sono più che soffisfacenti.

 

Anche se per i dati definitivi si dovrà aspettare il mese di ottobre, le prime previsioni e le temperature ancora estive fanno ipotizzare un’annata ricca di soddisfazioni per la vendemmia abruzzese.

Stando alle stime di queste ultime settimane, l’annata, comunque leggermente in ritardo,  regalerà dal 5% al 7% in più di prodotto ad una qualità eccellente, soprattutto grazie al mancato attacco di parassiti della vite, che quest’anno sono stati inferiori alla norma.

«Il grosso della produzione – almeno per quanto riguarda il Montepulciano - arriverà comunque a maturazione entro i primi giorni di ottobre, solo allora si potrà fare un bilancio definitivo della vendemmia», sottolineano all’ufficio vitivinicolo della Coldiretti Abruzzo. «In questo momento è in corso la raccolta delle uve da vino precoci, soprattutto chardonnay e pecorino, che stanno dando negli ultimi anni grandi soddisfazioni». E nel panorama del vino abruzzese, sembrano spuntare anche nuove realtà. «E’ in fase di decollo la Doc Abruzzo, che consentirà sotto un unico nome di commercializzare tutti i vitigni autoctoni», sottolinea la Coldiretti, «un passo importante per dare più visibilità e immagine ai nostri vini». Tornando alla quantità, nella regione si stima una produzione di circa tre milioni di ettolitri di vino, sempre che vengano mantenute le condizioni climatiche attuali. C'è quindi da ben sperare per il comparto che, come ha sottolineato una indagine proprio di Coldiretti, anche nel momento della vendita sta dando ottimi frutti.

Nel 2009 crescita record per il vino Made in Italy nel mondo con un aumento delle esportazioni in valore del 7,8 per cento dovuta a una crescita sia sui mercati dell'Unione Europea (1,4 per cento) ma soprattutto su quello statunitense (+12,5 per cento), dove l’Italia  ha conquistato il primato rispetto a Francia e Australia.

 

06/09/2010 11.01