Sostegno al turismo nel cratere: 4,5 mln. Di Dalmazio:«Creati 300 posti letto per 35 nuovi lavoratori»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1335

ABRUZZO. Sostegno per nuovi investimenti turistici nell'area del cratere, grazie all'utilizzo dei Fondi Por-Fesr per un importo totale di 4,613 milioni di euro, che porteranno a 15 milioni l'importo complessivo sul territorio, grazie all'azione dell'imprenditoria privata.

Lo ha annunciato questa mattina in conferenza stampa l'assessore al Turismo della Regione Abruzzo Mauro Di Dalmazio. «Si tratta - ha detto Di Dalmazio - di una manovra economica importante, che ci consente di riprogrammare nuovi investimenti in zone colpite duramente dal terremoto del 2009. Abbiamo scommesso, e con noi l'imprenditoria e le associazioni locali, sulla ripresa economica di una vasta parte di territorio abruzzese. Con questa azione forte, e grazie all'utilizzo di questi fondi europei, vogliamo riaffermare la vocazione turistica di una buona fetta d'Abruzzo. Per questo motivo la Giunta Regionale ha voluto investire nell'area del cratere, e con questo bando regionale, dare uno stimolo importante agli investimenti dell'imprenditoria locale.

Grazie al reperimento di ulteriori 3 milioni di euro (che si aggiungono allo stanziamento originario di 1,5 milioni), la Regione Abruzzo ha potuto allargare il finanziamento al totale delle 13 domande ritenute ammissibili, secondo le norme di legge. Come ha spiegato l'assessore al Turismo Mauro Di Dalmazio, grazie alla attuazione della manovra economica, nelle zone del cratere «verranno creati 35 nuove opportunità lavorative, oltre a 300 posti di nuova ricettività».

Sempre per  i fondi comunitari Por-Fesr, è ancora in corso l'istruttoria per un secondo asse di finanziamenti (con il de minimis) riguardante i servizi turistici complementari, per un importo totale di oltre 3 milioni di euro. In questo caso sono 90 le domande presentate.

02/12/2010 12.06