Consumi italiani, meno pasta e meno carne

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1160

ROMA. I consumi alimentari restano al palo. Dopo il risveglio registrato nei primi tre mesi dell’anno, la tendenza è tornata al ristagno e i segnali di ripresa sembrano un lontano ricordo.

E così nei primi nove mesi del 2010 si ha un calo dello 0,2 per cento in termini di quantità e una diminuzione, in valore, della spesa dell’1,3 per cento rispetto all’analogo periodo del 2009.

Per l’intero 2010 si prevede una situazione simile, con una flessione tra lo 0,3 e lo 0,5 per cento. È quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori sulla base dei dati Ismea che evidenziano cali dello 0,4 per cento nel terzo trimestre dell’anno e dello 0,8 per cento nel secondo trimestre e una crescita, appunto, dello 0,7 per cento nel primo trimestre.

Sulle tavole degli italiani -come rimarca anche lo studio Ismea- si riduce lo spazio per la carne bovina (meno 4,9 per cento nell’insieme dei tre trimestri), la pasta di semola (meno 2,4 per cento), il pane (meno 2,3 per cento), i vini Doc, Docg, Igt e comuni (meno 1,8 per cento) e gli ortaggi e legumi freschi (meno 1,7 per cento). Diminuzioni che confermano il trend registrato già nel 2009.

Sempre per quello che concerne i primi nove mesi dell’anno, tra i prodotti premiati dai consumatori italiani, troviamo -rileva la Cia- gli ortaggi di IV gamma (più 10,2 per cento), i sostituti del pane (più 3,8 per cento), lo yogurt (più 3,5 per cento), il latte fresco (più 3,2 per cento), i prodotti per la prima colazione e i dolciumi (più 2,9 per cento), il pollo (più 2,7 per cento) e l'olio extravergine di oliva (più 2,4 per cento).

Tra i canali di vendita, i supermercati e gli ipermercati segnano una crescita dello 0,5 per cento, ma vedono la loro quota di mercato ferma al 70 per cento ormai dal 2007.

In continua crescita, invece, i discount che hanno raggiunto una quota pari al 6,5 per cento sul totale degli acquisti, grazie alla competizione giocata sul prezzo e alle superette "di prossimità", la cui incidenza è tornata a crescere fino a raggiungere l'attuale 4,6 per cento. Sempre difficile la situazione per il dettaglio tradizionale.

Arrivano, tuttavia, dall’export le notizie migliori per l'agroalimentare "made in Italy", con una crescita, secondo i dati Ismea,del 9,3 per cento nei primi sei mesi del 2010 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tutti i settori hanno segnato un miglioramento, ad eccezione della pasta e del riso. In particolare, si hanno incrementi delle vendite all’estero per i vini (più 8,6 per cento), la frutta fresca (più 7,3 per cento), i formaggi e i latticini (più 15,3 per cento), i prodotti dolciari (più 18,5 per cento), l’olio di oliva (più 13,5 per cento), le carni suine preparate e i salumi (più 13,5 per cento).

24/11/2010 15.31