Saldi invernali, si parte il 6 gennaio. Confesercenti insoddisfatta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1479

 ABRUZZO.I saldi invernali in Abruzzo partiranno il 6 gennaio e andranno avanti fino al 6 marzo.

La decisione è stata presa ieri dalla Conferenza di Servizio delle Camere di Commercio regionali.

«Sulla scia dell'iniziativa presa a livello nazionale di uniformare i periodi dei saldi in tutte le regioni - ha affermato l'assessore allo Sviluppo economico Alfredo Castiglione - la conferenza presieduta da Mario Di Nizio, dirigente del settore Sviluppo del commercio, ha deciso le date».

Le vendite estive di fine stagione, invece, partiranno il 15 luglio e proseguiranno fino al 12 settembre.

Insoddisfatta, però, Confesercenti Abruzzo, secondo il quale «si è persa un’occasione per le imprese commerciali e i consumatori».

«Da tempo sottolineiamo che i saldi, se non riformati, perdono valore e vanno contro le esigenze sia delle imprese che dei consumatori» sottolinea Patrizio Lapenna, responsabile del coordinamento Confesercenti delle Camere di commercio, «a partire dalla calendarizzazione decisa per il periodo invernale. Avevamo proposto di iniziare i saldi invernali almeno il 15 gennaio, in linea con la proposta della Confesercenti nazionale di giungere ad una data unica di avvio delle vendite di fine stagione. Una linea parzialmente accolta nel Lazio» sottolinea Lapenna, «dove i saldi inizieranno appunto il 15 gennaio, ma non in Abruzzo, dove invece partiranno il giorno dell’Epifania. Questo vuol dire avvantaggiare la grande distribuzione e i negozi di abbigliamento di bassa qualità. Nel pieno della stagione i commercianti di qualità infatti non possono certo svendere la merce. La nostra proposta invece è in grado di far convergere gli interessi degli imprenditori commerciali e dei consumatori. Porteremo avanti la nostra proposta di unificare le date di avvio dei saldi per ridare un senso alle vendite di fine stagione».

19/11/2010 9.34