Il bar è il social network più amato dagli italiani

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1106

ROMA. Altro che Facebook e Twitter, il social network più amato dagli italiani è il bar.

 Tra un aperitivo, un espresso o un panino, dal lunedì alla domenica sono all’incirca 15 milioni gli italiani (dati Fipe 2009) che vanno al bar ed è lì che, è un dato di fatto, ancora oggi “si fa l’Italia”. Il bar (121 mila in Italia, Fiepet-Confesercenti 2010) è il luogo dove la gente si crea una vera opinione su tutto ciò che succede nel mondo. Ma quali sono gli argomenti più discussi? Sulla bocca di tutti c’è al primo posto la politica (48%), che batte il Calcio (42%) e lavoro (37%), oltre ad argomenti più leggeri come il gossip (35%), che ha la meglio persino sullo shopping (33%) e sul cinema (25%). Attraverso gli argomenti e le abitudini, è possibile dividere i clienti in varie “tribù”, che svolgono un ruolo diverso all’interno del bar. Su tutti i più influenti sono gli “aperitivologhi” (45%). Sono loro a parlare degli argomenti più svariati, “decidere” chi sarà il prossimo presidente del consiglio (47%), quale sarà il must have in fatto di moda (33%) o il film giusto da guardare al cinema (25%).

È quanto emerge da uno studio promosso da Sanbittèr e condotto su 480 barman, gestori, proprietari di bar ed esperti del settore, attraverso un monitoraggio di 1.200 soggetti (uomini e donne tra i 18 e i 55 anni) sul loro rapporto con il bar realizzato sui più importanti social network (Facebook e Twitter) e blog attraverso la raccolta di messaggi, post e commenti sull’argomento. 

Il bar rimane ancora oggi il locale più frequentato per 365 giorni all’anno: da chi ci va due-tre volte a settimana (15%), chi una volta al giorno (31%) e chi non può fare a meno di andarci finanche tre/quattro volte in un giorno (43%). Ma perché la gente va al bar? Da chi lo considera il luogo dove la gente può chiacchierare di tutto e si sente libera di esprimere le proprie opinioni (67%), a chi per staccare dal ritmo frenetico del lavoro (51%) o semplicemente per chiacchierare con gli amici (45%). A sorpresa solamente il 33% va al bar esclusivamente per mangiare o prendere qualcosa da bere. Ecco che grazie a questa importanza sociale che ricopre, il bar è ancora oggi il vero ripetitore di opinione moderno, più di tv, radio e qualunque altro media, che si limitano solamente a diffondere le notizie (73%).

Ma nonostante il bar sia frequentato durante tutta la giornata, è proprio il momento dell’aperitivo, sia al mattino sia alla sera, a rappresentare l’occasione in cui il bar è più popolato (41%). Ma perché la gente si sente a proprio agio durante l’aperitivo? Essendo a fine giornata, si ha finalmente il tempo e la voglia di confrontarsi con gli altri (35%), c’è l’atmosfera giusta per chiacchierare (27%) e diventa semplice condividere e scambiarsi idee e opinioni (21%).

 08/11/2010 14.31