Agroalimenta apre ai russi, svolta per Lancianofiera

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1746

LANCIANO. Diventa internazionale “Agroalimenta” in programma a Lancianofiera dal 19 al 21 novembre prossimi.

 

L'evento in questa edizione ospiterà operatori e buyer provenienti dalla Russia. Si tratta di un progetto della Regione Abruzzo denominato “Incoming Paese Russia” che punta a valorizzare i prodotti tipici del territorio e ha scelto di farlo attraverso una rassegna di settore che negli anni ha conquistato uno spazio importante per tutto il Centro Sud.

Per i vertici dell'ente questa collaborazione è un risultato importante e qualificante che premia il lavoro e gli sforzi fatti per allestire manifestazioni di richiamo.

«In ogni rassegna abbiamo sempre riservato uno spazio più o meno ampio, ma sempre di qualità, per riflettere e analizzare questioni che riguardano il territorio e non solo – sottolinea il direttore Ciro Pasquini – E stavolta poter aprire un tavolo di confronto, incontrare alcuni dei maggiori referenti in Russia per la distribuzione dei prodotti alimentari è una opportunità straordinaria per i nostri operatori. Un grazie alla Regione per aver voluto la Fiera di Lanciano come partner unico per proporre il marchio Abruzzo nel mondo».

Sarà dunque una grande occasione per gli operatori e produttori del territorio che potranno così far conoscere le peculiarità dei loro prodotti non soltanto ai numerosissimi visitatori che arrivano anche da fuori regione ma anche ad esperti di settore che arrivano dalla Russia dove il mercato è in grande e veloce espansione.

«E' un riconoscimento significativo – aggiunge il presidente di Lancianofiera Donato Di Fonzo – per Agroalimenta e per il Consorzio il cui ruolo è e dovrebbe essere proprio quello di favorire, stimolare, sostenere incontri e confronti costruttivi per l'economia abruzzese. Essere partner unico della Regione in questo ambizioso progetto ci inorgoglisce e ci fa guardare al futuro con rinnovata fiducia e con la consapevolezza che la strada percorsa, nonostante le difficoltà era quella giusta».

06/11/2010 9.34