Alenia Space, 18 mesi per la nuova sede aquilana

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3415

L’AQUILA. Il presidente e l’amministratore delegato di Finmeccanica sono intervenuti questa mattina alla posa della prima pietra del sito industriale di Thales Alenia Space a L'Aquila.

Il vecchio stabilimento industriale era stato dichiarato inagibile a causa dei gravi danni riportati a seguito del sisma del sei aprile 2009. Il nuovo sito avrà una superficie di oltre 16 mila metri quadrati, ripartita in aree produttive, aree sevizi e utenze e altre aree (portineria, hall, infermeria). L'edificio sarà realizzato tenendo in considerazione i più severi criteri antisismici previsti dalla nuova normativa in materia. Attualmente i 450 dipendenti delle due aziende, 300 Thales, 150 Selex, sono dislocati in altri stabilimenti del polo elettronico.

Nel piano industriale e di riorganizzazione di Thales Alenia Space Italia è previsto che il sito dell'Aquila diventi il centro di riferimento per la produzione della componentistica elettronica. I lavori per il nuovo stabilimento dovrebbero essere portati a compimento entro 18 mesi. «La volontà di Finmeccanica - ha spiegato il presidente e amministratore delegato del gruppo aerospaziale Giuseppe Orsi - è di essere presente qui sul territorio. L'Aquila per noi è sempre stato un centro importante e continuerà ad esserlo in futuro».

Finmeccanica partecipa al 33% nella joint venture con Thales (67%) in Thales Alenia Space, leader europeo nei sistemi satellitari protagonista principale nelle infrastrutture orbitali. Nei prossimi giorni Orsi incontrerà il ministro Profumo per collaborare alla definizione del piano spaziale nazionale «in un'ottica di sinergia tra ricerca e azienda sul piano internazionale».

«Il difficile contesto attuale - ha proseguito Orsi - ci rende ancora più determinati a cogliere le opportunità. Vogliamo fare con serietà e sobrietà la nostra parte per contribuire al rilancio tecnologico ed economico, ma anche etico e sociale, del nostro Paese, per noi stessi e per garantire un futuro migliore ai giovani e ai nostri figli». «Noi oggi sottolineiamo un passaggio importante», ha detto invece Luigi Pasquali, amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia. «Qui all'Aquila abbiamo da trent'anni un patrimonio di risorse, di competenze, di capacità che sono eccellenti; ci permettono di stare sulla scena mondiale nel nostro settore quindi non possiamo prescindere da queste competenze industriali e da questa realtà».

Il sito aquilano è un sito moderno con tecnologie innovative di produzione «che ci consentiranno anche una espansione», ha assicurato Pasquali. «Contiamo di avere una espansione nella capacità produttiva e quindi nella capacità di assorbire risorse umane e competenze e quindi il rapporto con l'Università».

Pasquali ha spiegato che si tratta di un investimento di 42 milioni di euro, «che è rilevante e che abbiamo messo con determinazione, con sicurezza, con l'orgoglio di essere riusciti a risolvere una serie di problemi e di poter guardare con un certo ottimismo il futuro».
14/12/2011 14:51