Tutela del Made in Italy, Coldiretti L’Aquila si mobilita

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1816

L’AQUILA. Impedire che le risorse statali siano utilizzate per la commercializzazione sui mercati esteri di prodotti contraffatti anziché a favore della promozione delle autentiche produzioni locali.

È questo il monito della Coldiretti L’Aquila a difesa delle eccellenze agroalimentari dell’aquilano e che, proprio in questi giorni, ha richiesto alle amministrazioni dei 108 comuni e alla Provincia una Proposta di Ordine del Giorno contro il sostegno pubblico alla contraffazione del Made in Italy. L’obiettivo è infatti quello di denunciare la nuova vicenda di utilizzo improprio di risorse pubbliche da parte della Simest (Società italiana per le imprese), finanziaria controllata dal Ministero dello sviluppo economico che, attraverso questa società, sta finanziando imprese italiane per produrre e commercializzare all’estero prodotti spacciati per italiani, ma che in realtà nascono all’estero e sono realizzati con materia prima e manodopera estere.

Un situazione, sottolinea la Coldiretti provinciale, che penalizza fortemente gli imprenditori agricoli, soprattutto nell’attuale momento di crisi in cui si è alla ricerca di azioni e risorse per il rilancio dell’economia e della crescita occupazionale. «È però indispensabile che le Istituzioni locali partecipino alla mobilitazione – conclude la Coldiretti - inserendo nell’ordine del giorno dei propri organi un punto relativo alla discussione e alla condivisione di questa vitale azione a tutela delle produzioni locali. L’associazione è tuttavia pronta a una manifestazione con i cittadini e gli imprenditori agricoli, con l’obiettivo sia di promuovere i prodotti agroalimentari sia di evidenziare e tutelare l’importanza del territorio e della sua storia».

01/12/2011 12:16