Energia, in Abruzzo l’esperimento della pala eolica off shore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2709

ABRUZZO. Potrebbe partire in Abruzzo la sperimentazione del prototipo di pala eolica off shore, nato dalla collaborazione tra Stato del Maine e dell'omonima Università.

Grazie alla partecipazione della Regione al progetto comunitario Ipa Adtiatic Powered si sta mettendo a punto uno studio dei fondali, le correnti e i venti marini. Lo ha anticipato Iris Flacco, dirigente del Servizio Energia della Regione Abruzzo, nel corso dei lavori pomeridiani della delegazione Ocse, in visita in Abruzzo fino a oggi.

«L'Università del Maine - ha spiegato Flacco - ha già messo a punto il prototipo per l'eolico off shore la cui particolarità consiste nel non usare piattaforme rigide, da collocare a non più di 50 metri di profondità, ma in piattaforme galleggianti che, attraverso tiranti, possono essere installate ad un massimo di 40 kilometri dalla costa. Questa tecnologia consente di ottenere alcuni risultati non di poco conto: l'abbattimento dell'impatto visivo, la possibilità, per questa ragione, di disporre le pali a gruppi, e per questa ragione ancora, la riduzione dei costi per l'estensione dei cavi».

Altra eccezionalità del prototipo, secondo Flacco è la capacità delle pale di produrre fino a 5 megawatt di energia, a fronte dei consueti due delle pale attuali.

«Insomma - ha spiegato ancora Flacco - queste condizioni di ricerca avanzata ci suggeriscono un logico apparentamento tra il nostro studio già avviato sui fondali, le correnti e i venti marini, conoscenze indispensabili per la scelta del luogo di installazione, e il Maine che ha necessità di un'applicazione concreta del prototipo». Altra possibilità di "apparentamento" in materia di energie rinnovabili è quella che può nascere con la Finlandia che ha «sviluppato un managment all'avanguardia per la filiera delle biomasse. Nella nostra regione - ha spiegato Flacco - c'è ancora una forte resistenza degli imprenditori al ricorso alle biomasse per l'assenza di una corretta relazione tra tutti gli attori della filiera».

Grazie al managment finlandese il circuito che va da chi conferisce i cascani del bosco al proprietario dell'impianto diventa virtuoso con un beneficio ulteriore che è legato allo sviluppo di una economia tutta locale. Il Ministero dello sviluppo economico, presente ai lavori della delegazione, ha espresso un giudizio lusinghiero sulla possibilità di dar luogo allo scambio di esperienze, tanto da volerci entrare con una partnership. La delegazione Ocse concluderà il suo studio in Abruzzo oggi, dove è prevista una visita al parco eolico di Tocco da Casauria e all'Aquila, al progetto C.A.S.E.

 24/11/2011 09:02