Ottobre contemporaneo a Nocciano: Giovanna Lacedra, la malattia prende "corpo"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8129

NOCCIANO. Si terrà a Nocciano sabato 15 ottobre, alle ore 18.00, presso la Sala Convegni del Museo di Arte Contemporanea, l’appuntamento con  “Io sottraggo. La triangolazione cibo-corpo-peso”,  performance dell’artista Giovanna Lacedra, a cura di Grace Zanotto della galleria d'arte Famiglia Margini di Milano. L’evento si inserisce nel calendario dell’Ottobre Contemporaneo che comprende la mostra ‘Armonie Interrotte’ dell’artista lombardo/abruzzese Antonio Mancini.

Sarà lei, l’artista lucana, trapiantata in Toscana e milanese d’adozione ad inaugurare l’ottobre contemporaneo raccontando la propria malattia (distrurbi anoressico-bulimici) attraverso il linguaggio performativo.

Perché, secondo Lacedra, «tramutare l’ossessione anoressico-bulimica in un atto performativo e raccontare la propria esperienza in una mostra, può dare un senso più profondo e condivisibile a questo patologia. Se l’arte è comunicazione, allora un atto performativo, può passare un simile messaggio in modo efficace, diretto e trasparente».

Anche se la prima presentazione della performance a Milano, non aveva avuto l’esito sperato (l’artista era stata bersaglio di numerose critiche), lei continua la sua attività didattica ed artistica. E’ collaboratrice del portale www.sbngs.it , nella sezione ‘Arte e Cultura’, come autrice di recensioni e articoli di critica d’arte, tutela e conservazione del patrimonio artistico, lettura di opere d’arte, monografie di artisti.

La sua produzione pittorica più recente è  “Distanze: Solitudini Contemporanee” ed è inoltre docente dei corsi di Storia dell’architettura e dell’arte Medievale presso la Fondazione Humaniter di Milano.

Oltre la Lacedra altri appuntamenti animeranno il mese di ottobre a Nocciano e dintorni. Sabato 29 ottobre, infatti, alle 10.00, ci sarà convegno “I nuovi disagi della contemporaneità. Dalla paura di desiderare al rifiuto di amare: bulimia e anoressia a confronto”, alla presenza di Bruna Silvidii, dirigente psicologa e psicoterapeuta del dipartimento di Salute Mentale della Asl di Pescara, e Giuliana Capannelli, psicoterapeuta, psicoanalista, della Fida (Federazione Italiana Disturbi Alimentari) di Ancona.   Domenica 30 ottobre, alle 16.30, presso lo spazio Casamau s.r.l., in via Taddei a Villa Badessa di Rosciano (Pe), sarà la volta del film “Il Diavolo veste Prada” di David Frankel seguito dal dibattito ‘Tutti vogliono essere noi’. Alle 19.00, presso il Museo di Arte Contemporanea di Nocciano, ci sarà la mostra ‘Armonie Interrotte’ di Antonio Mancini che resterà aperta al pubblico fino al 30 ottobre (il sabato dalle 10.00 alle 12.30 e la domenica 16.00 alle 18.30).

11/10/2011 13.36