Teramo presenta il premio fotografia cinematografica "Gianni Di Venanzo"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7530

TERAMO. Si chiama Adolfo Bartoli e sarà lui, quest’anno, ad aggiudicarsi il premio della fotografia cinematografica italiana “Gianni Di Venanzo” per il suo lavoro di autore della fotografia del film “Il mercante di stoffe” diretto da Antonio Baiocco che racconta la storia di due giovani italiani, Marco e Luisa, arrivati nel sud del Marocco per trovare in un vecchio villaggio abbandonato, un medaglione antico.

Un premio, questo, organizzato dall’associazione Teramo Nostra e giunto alla 16° edizione, che si terrà a Teramo sabato 29 ottobre presso il cine teatro comunale. Anche quest’anno l’evento prevede due settimane dense di appuntamenti, dal 15 al 29 ottobre, tra proiezioni di film, concerti e convegni a tema.

E infatti domenica 30 ottobre, gli organizzatori della manifestazione, i direttori della fotografia e gli altri cineasti presenti a Teramo si recheranno a Civitella del Tronto, che sarà sede quest’anno dell’iniziativa “Gli autori della fotografia cinematografica illuminano i centri storici della provincia di Teramo”.

Ma chi è Adolfo Bartoli? Fotografo e artista poliedrico, Bartoli ha collaborato come assistente di Pasqualino De Santis, premio Oscar per la fotografia del film Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli, con il direttore della fotografia Giuseppe Rotunno, con cui è assistente alla camera underwater nel film Popeye di Robert Altman, oltre ad aver diretto gli effetti visivi di “Pinocchio” di Roberto Benigni.

Ma il suo nome, che ora si aggiunge a quelli di Luciano Tovoli e Renato Del Frate, vincitori rispettivamente dell’ Esposimetro d’oro alla Carriera e dell’ Esposimetro d’oro alla Memoria, ha conquistato riconoscimenti di una certa portata come il premio “Pasqualino De Santis” per la migliore fotografia al Busto Arsizio Film Festival 2011 per il film “Il Mercante di Stoffe”, il premio Associazione Italiana Autori della Fotografia Cinematografica 2010 per la migliore fotografia televisiva per “Un Caso di Coscienza 4, premio speciale “L’Arte e il suo Mestiere” nell’agosto 2008.

m.b. 24/09/2011 14.26