Scanno festival del documentario: vince Patrizia Marani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6283

Scanno festival del documentario: vince Patrizia Marani

SCANNO. E’ “Paradiso ritrovato. La parabola del giardiniere naturale”, della bolognese  Patrizia Marani, il documentario vincitore dell’edizione 2011 di Scanno Natura Doc/Effetto uomo, il Festival del Documentario Naturalistico Italiano ospitato in questi giorni nel borgo abruzzese di Scanno: un’opera suggestiva, il racconto di un sogno e di un impegno tenace per la conservazione della biodiversità che la giuria popolare, composta da oltre 150 spettatori e coordinata dalla giornalista Maria Rosaria La Morgia, ha premiato alla quasi totale unanimità, in una sala gremita di appassionati di un genere cinematografico di crescente interesse.

Il Premio Speciale Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, assegnato dall’ Ente patrocinatore del Festival, è andato invece a “Val Grande. Mappa per un viaggio impossibile”, del documentarista emiliano Nicola Piovesan, quale opera in concorso che ha saputo meglio rappresentare  la capacità del documentario naturalistico di essere veicolo di crescita della sensibilità verso la natura e verso l’ambiente, idea portante del progetto di Scanno Natura Doc.

Riconoscimenti anche per la sezione delle opere amatoriali: il Premio Scanno Natura Doc/Effetto uomo/Doc amatoriali è stato vinto da Summuzzariell/Risvenergia, della napoletana Fabiola Catapano, un singolare lavoro che con capacità e piacevole  humour ha saputo esprimere l’urgenza di un impegno sulla produzione di un energia pulita. Menzioni speciali sono state attribuite invece a tre lavori che, con originalità e cura documentaria nella costruzione del racconto, si sono soffermati sugli aspetti antropologici e culturali del nostro territorio: “Cocullo. Racconto dei serpari” di Massimo Martongelli e Andrea De Stefano, “La Natura intorno a noi” di Aquilino Pastorelli e “Pastorie” di Pasquale Di Ianni.

 19/09/2011 11.15